Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

“Simone, mi ami tu più di costoro?”

©Philippe Antonello-2003 Icon Distribution Inc
Condividi

Perché Gesù ha chiesto tre volte a Simon Pietro se lo ama, Lui che conosce tutto? Proprio per il fatto che sa tutto, ci conosce nell'intimo e ci educa all'amore. E' a noi che servono le domande

In quel tempo, quando si fu manifestato ai discepoli ed essi ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone di Giovanni, mi vuoi bene tu più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli». 
Gli disse di nuovo: «Simone di Giovanni, mi vuoi bene?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci le mie pecorelle». 
Gli disse per la terza volta: «Simone di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli dicesse: Mi vuoi bene? e gli disse: «Signore, tu sai tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecorelle. 
In verità, in verità ti dico: quando eri più giovane ti cingevi la veste da solo, e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti cingerà la veste e ti porterà dove tu non vuoi». 
Questo gli disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E detto questo aggiunse: «Seguimi». (Gv 21,15-19)

Perché Gesù dovrebbe farci domande se già conosce le risposte? Mi sono sempre chiesto questo. Forse perché le domande servono a noi non a lui. E’ Pietro che nel vangelo di oggi ha bisogno di domandarsi se veramente vuole bene a Gesù. Gesù lo sa già, anzi sa pure che la sfiducia che egli ha in se stesso guarirà con il tempo. Non sa usare più la parola amore ma solo la parola bene. Ma verrà il giorno in cui Pietro diventerà capace di morire per amore. Ecco allora il motivo per cui nella nostra vita spirituale dovrebbero fare ingresso in maniera seria le grandi domande della vita.

Sono esse che ci fanno stare davanti a Gesù faccia a faccia. Sono esse che ci riconciliano con i nostri tradimenti e le nostre sviste. Sono esse che ridanno direzione alle nostre decisioni. Dio risponde facendo domande. Ci guida nella risposta, anzi Egli stesso è la risposta. Ma capire che la risposta è qualcuno e non qualcosa è una rivoluzione che dobbiamo imparare con il tempo. È la stessa conversione di Pietro che non si deve accontentare di voler bene ma deve avere fiducia che prima o poi imparerà anche lui ad amare. In questo senso la conversione è una buona notizia e non un compito insormontabile, perché è la buona notizia di poter sempre ricominciare ogni volta, sapendo che siamo figli di un Dio che non si lega al dito le cose. Siamo figli di un Dio che ci conosce al di là di quello che facciamo o di quello che siamo diventati. Ma la santità di Pietro non sta nella capacità di amare bene, ma nella sincerità di ammettere di non saperlo fare. Lo ha capito sbagliando, ma da quel momento in poi ne ha guadagnato la sua autenticità. In questo senso l’esperienza del peccato non può solo essere ridotta all’esperienza di fare qualcosa di sbagliato. A volte è una lezione che dovremmo imparare. È la lezione di fare i conti con i propri limiti e di cominciare ad avere di se stessi non più una visione idealizzata ma realistica. Salvo poi lasciare a Gesù l’ultima parola.

#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni