Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Prima di morire chiese 3 volte “perdono” per il suo assassino

Leonella Sgorbati
Unknown | Fair Use
Condividi

La suora martire Leonella Sgorbati, uccisa in Somalia nel 2006, sarà beatificata il 28 maggio a Piacenza

«Il mio andare in Somalia è la risposta a una chiamata: tu Padre hai tanto amato la Somalia da donare il tuo figlio… E io dico con lui “questo è il mio corpo, questo è il mio sangue donato per la salvezza di tutti”».

Suor Leonella Sgorbati scrive queste parole nel suo diario il 27 febbraio del 2006.

Sette mesi dopo, il 17 settembre, a 65 anni, viene assassinata a Mogadiscio da due sicari che le sparano alle spalle, all’uscita dall’ospedale dove ha appena tenuto il suo corso per infermiere. Sette pallottole colpiscono lei e la guardia del corpo Mohamed Mahamud Osman, musulmano e papà di quattro figli, che muore nel tentativo di difenderla.

Una consorella, Marzia Ferra, racconta così i suoi ultimi istanti: «Era ancora viva, sudava freddo, ci siamo prese per mano, ci siamo guardate e prima di spegnersi come una candelina, per tre volte mi ha detto: “Perdono, perdono, perdono”». Una parola, ripetuta tre volte.

Il prossimo 26 maggio verrà proclamata beata nella cattedrale di Piacenza, sua terra d’origine. Il settimanale Credere (17 maggio) racconta la vicenda di questa straordinaria donna.

La scelta (rischiosa) di Mogadiscio

SISTER LEONELLA SGORBATI
YouTube I NewsTv2000

Suor Leonella, al secolo Rosa Sgorbati, era nata nel 1940 a Rezzanello di Gazzola (Piacenza). Missionaria della Consolata,

Dopo una vita trascorsa in missione nei Paesi africani, come infermiera specializzata, nel 2000 riceve una proposta dalla Somalia, dov’è rimasto solo un piccolo gruppo di sue consorelle che lavoravano come volontarie nell’Ospedale Sos, Kinderdorf International, l’ unica struttura sanitaria a Mogadiscio a offrire cure gratuite in ambito pediatrico. C’è bisogno di una scuola per infermieri e infermiere, che suor Leonella riesce ad aprire nel 2002.

Accuse infamanti

Nel 2006, l’ anno della sua morte, si diplomano le prime 34 infermiere. Per solennizzare la celebrazione suor Leonella fa indossare agli studenti  la “toga”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni