Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Patrizia non cammina, Roberta non ci vede: a Lourdes per dire grazie, non per chiederle! (VIDEO)

PATRIZIA MATACENA AND ROBERTA COTRONEI
Carlotta Ferraro | Facebook
Condividi

Stanche di starsene in camera d'albergo decidono di uscire a farsi un bel giro

Eravamo a Lourdes, non ne potevamo più di stare in camera, avevamo voglia di uscire. Con Patrizia ci siamo dette: perché no? Una non ci vede e l’altra non cammina. Se ci diamo una mano possiamo andare dove ci pare. E così abbiamo fatto. Purtroppo ci siamo imbattute quasi subito in una delle nostre affettuosissime accompagnatrici: «siete pazze, dove state andando tutte e due?» (Tgcom24)

Così racconta l’episodio una delle due protagoniste, Roberta Cotronei, 56 anni. Lei, delle due amiche napoletane in viaggio a Lourdes con i volontari dell’ordine di Malta, è quella che non ci vede. E non è andata ad implorare guarigioni fisiche ma a consegnare alla Madonna il suo sentito “grazie”.

In tanti forse siamo portati a domandarle perché non abbia chiesto che le tornasse la vista. Non possiamo sapere se nel segreto del proprio cuore Roberta non abbia di nuovo accennato al fatto, intrattenendosi con la Madonna, ma sappiamo quello che ci racconta e che ci mostra con gioia spingendo l’amica in sedia a rotelle e cantando a squarciagola “Sei un mito”!

E’ contenta, è lieta, si gode l’aria, il tepore del sole, la compagnia e si diverte come una bambina. Roberta non è una sciocca, tutt’altro. Non è la l’insipienza che la fa vivere con leggerezza, ma l’esatto opposto: affetta da retinite pigmentosa dall’età di vent’anni, si è opposta a lungo e con tutte le forze a questa malattia e all’impietoso esito cui l’avrebbe condotta, la cecità totale. Che indesiderato ma puntuale è arrivato. Poi un pensiero logico, saggio, profondamente umano:

Mi sono disperata per anni quando ho capito che non avrei mai più riavuto la vista, poi ho smesso di farlo. Che senso ha passare la vita a tormentarsi per quello che non si ha? Nessuno, allora godiamoci ciò che abbiamo e andiamo avanti. Vi assicuro che sono molto felice e soddisfatta (Ibidem)

Il simpatico video, non tanto più lungo della passeggiata che le due cinquantenni partenopee si sono potute concedere, per l’intervento solerte delle assistenti, è una provocazione bella e buona. Delle più audaci, da innescare una sommossa, se non nelle piazze, magari in qualche cuore. «Non ci crederanno mai!», dice infatti Patrizia Matacena, 55 anni, facendo eco alla figlia che gira la clip. E Roberta si raccomanda di inviarglielo perché lo avrebbe voluto mandare in tutte le chat.

Un piccolo video per abbattere le barriere che spesso in tanti ci costruiamo per impedirci di essere felici. E invece essere felici si può. A volte non malgrado la malattia ma addirittura grazie a quella. Un attimo, intendiamoci, non è bello essere ciechi né non poter camminare a causa di un morbo odioso come la sclerosi multipla, ma se quelle privazioni ci liberano anche della tristezza, ci riconsegnano al cuore della vita, a quella cosa così misteriosa e semplice che non può far altro che esprimersi in un canto di ringraziamento allora sì, la malattia può essere anche una serva utile.

E queste due signore, una verità così potente, ce la sono venuta a cantare: «Siamo un mito, siamo un mito…»

Sentite cosa ha dichiarato Patrizia a Il Mattino di Napoli:

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni