Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconFor Her
line break icon

Patrizia non cammina, Roberta non ci vede: a Lourdes per dire grazie, non per chiederle! (VIDEO)

PATRIZIA MATACENA AND ROBERTA COTRONEI

Carlotta Ferraro | Facebook

Paola Belletti - Aleteia - pubblicato il 17/05/18

Stanche di starsene in camera d'albergo decidono di uscire a farsi un bel giro

Eravamo a Lourdes, non ne potevamo più di stare in camera, avevamo voglia di uscire. Con Patrizia ci siamo dette: perché no? Una non ci vede e l’altra non cammina. Se ci diamo una mano possiamo andare dove ci pare. E così abbiamo fatto. Purtroppo ci siamo imbattute quasi subito in una delle nostre affettuosissime accompagnatrici: «siete pazze, dove state andando tutte e due?» (Tgcom24)

Così racconta l’episodio una delle due protagoniste, Roberta Cotronei, 56 anni. Lei, delle due amiche napoletane in viaggio a Lourdes con i volontari dell’ordine di Malta, è quella che non ci vede. E non è andata ad implorare guarigioni fisiche ma a consegnare alla Madonna il suo sentito “grazie”.




Leggi anche:
La commovente testimonianza di Giusy Versace

In tanti forse siamo portati a domandarle perché non abbia chiesto che le tornasse la vista. Non possiamo sapere se nel segreto del proprio cuore Roberta non abbia di nuovo accennato al fatto, intrattenendosi con la Madonna, ma sappiamo quello che ci racconta e che ci mostra con gioia spingendo l’amica in sedia a rotelle e cantando a squarciagola “Sei un mito”!

E’ contenta, è lieta, si gode l’aria, il tepore del sole, la compagnia e si diverte come una bambina. Roberta non è una sciocca, tutt’altro. Non è la l’insipienza che la fa vivere con leggerezza, ma l’esatto opposto: affetta da retinite pigmentosa dall’età di vent’anni, si è opposta a lungo e con tutte le forze a questa malattia e all’impietoso esito cui l’avrebbe condotta, la cecità totale. Che indesiderato ma puntuale è arrivato. Poi un pensiero logico, saggio, profondamente umano:

Mi sono disperata per anni quando ho capito che non avrei mai più riavuto la vista, poi ho smesso di farlo. Che senso ha passare la vita a tormentarsi per quello che non si ha? Nessuno, allora godiamoci ciò che abbiamo e andiamo avanti. Vi assicuro che sono molto felice e soddisfatta (Ibidem)

Il simpatico video, non tanto più lungo della passeggiata che le due cinquantenni partenopee si sono potute concedere, per l’intervento solerte delle assistenti, è una provocazione bella e buona. Delle più audaci, da innescare una sommossa, se non nelle piazze, magari in qualche cuore. «Non ci crederanno mai!», dice infatti Patrizia Matacena, 55 anni, facendo eco alla figlia che gira la clip. E Roberta si raccomanda di inviarglielo perché lo avrebbe voluto mandare in tutte le chat.




Leggi anche:
Un bambino a Lourdes: «Gesù, se non mi guarisci lo dico a tua Madre»

Un piccolo video per abbattere le barriere che spesso in tanti ci costruiamo per impedirci di essere felici. E invece essere felici si può. A volte non malgrado la malattia ma addirittura grazie a quella. Un attimo, intendiamoci, non è bello essere ciechi né non poter camminare a causa di un morbo odioso come la sclerosi multipla, ma se quelle privazioni ci liberano anche della tristezza, ci riconsegnano al cuore della vita, a quella cosa così misteriosa e semplice che non può far altro che esprimersi in un canto di ringraziamento allora sì, la malattia può essere anche una serva utile.

E queste due signore, una verità così potente, ce la sono venuta a cantare: «Siamo un mito, siamo un mito…»

Sentite cosa ha dichiarato Patrizia a Il Mattino di Napoli:
  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
gratitudinesantuario di lourdes
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni