Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconCultura
line break icon

Le 3 eredità del maggio del ’68

1968;

André Cros-CC BY-SA 4.0

Miriam Diez Bosch - pubblicato il 17/05/18

Riflessione del filosofo Francesc Torralba

“Riflessione umanistica del maggio del ’68 e sue conseguenze internazionali”. Questo il titolo del Congresso Internazionale organizzato presso l’Ateneu Universitari Sant Pacià e l’Università di Barcellona (Spagna) nel contesto della celebrazione dei cinquant’anni del maggio del ’68 francese. Questa rilettura dei fatti a mezzo secolo di distanza si è divisa in tre parti: analisi storica dei fatti, idee confluite nella rivoluzione e descrizione delle influenze più significative sulla vita ecclesiale, teologica, politica, educativa, artistica e letteraria.

In questo contesto, il professore, filosofo e teologo Francesc Torralba ha parlato del marxismo eterodosso della Scuola di Francoforte. Nella sua riflessione ha sottolineato che “solo con la distanza che danno gli anni si può ponderare in modo adeguato quello che ha rappresentato una meta storica”, e ha ricordato alcune idee del maggio francese ancora vive nel momento storico attuale:

1. Necessità di dare potere al popolo

Torralba ha parlato di Herbert Marcuse e della sua difesa del potere del popolo di fronte al potere totalitario come idea ben presente nella mentalità politica del ’68, e ha sottolineato il sogno di un nuovo modo di guidare la società e le istituzioni: “parlava di una leadership nata dalla gente, partecipativa, empatica, capace di dare potere agli altri, di delegare quote di potere”.

2. La ricerca dell’emancipazione e dell’uguaglianza dei diritti

Di fronte al modello capitalistico, gli studenti e gli operai immaginavano una società senza classi, superando la proprietà privata e con un potere politico che redistribuisse la ricchezza e garantisse i diritti sociali a tutti i cittadini. In questo senso, Torralba ha citato Marcuse e Fromm nelle loro opere critiche nei confronti della società consumistica, sottolineandone le conseguenze antropologiche, sociali e ambientali. In concreto, Fromm “critica la preponderanza dell’avere sull’essere”. Secondo il professore, il modello che difendeva la generazione del ’68 si basava sulla cooperazione e il bene comune.

Torralba ha anche sottolineato la distinzione realizzata in questo senso da Marcuse tra le necessità reali e quelle fittizie, create mediante la pubblicità e i mezzi di comunicazione.

3. L’anelito alla giustizia sociale

In opposizione alla società borghese, si è difesa una rivoluzione sociale che trasformasse le istituzioni e “mettesse l’immaginazione alla base della società”. Si intende così che questa rivoluzione porta all’uguaglianza dei diritti e al riconoscimento della giustizia per tutta la cittadinanza. A questo riguardo, Torralba ha citato Marcuse e la sua difesa della necessità di rivoltarsi contro le ingiustizie, non rassegnarsi e mobilitarsi in modo pacifico contro i poteri di fatto e i diritti acquisiti da una minoranza.

Secondo il professore, i pensatori della prima generazione della Scuola di Francoforte “sono pacifisti e chiaramente contrari al bellicismo e alla politica dei blocchi tanto tipica del periodo post-bellico europeo”. Difendono quindi il dialogo e criticano le spese militari per le armi di distruzione di massa. Su questo punto, Torralba ha ricordato come il maggio francese si sia sintonizzato con i movimenti pacifisti degli Stati Uniti negli anni Sessanta e Settanta e con tutta la mobilitazione contro la guerra del Vietnam.

Il professore ha infine ricordato che questa sintonizzazione di alcuni aspetti del maggio francese del 1968 si riscontra anche in alcuni movimenti contemporanei, perché cinquant’anni dopo il mondo continua ad affrontare alcune delle sfide che si sono presentate all’epoca.

Tags:
bene comune
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni