Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Quando il cielo canta noi sentiamo nostalgia del Paradiso (VIDEO)

GALASSIA, SPIRALE, UNVERSO
Shutterstock
Condividi

Un astronomo americano ha trasformato in musica i movimenti della Via Lattea ed è quasi un invito ad alzare lo sguardo all’armonia di Dio che non è poi così nascosta

Non appena Dante mise piede insieme a Beatrice in cielo sentì subito una musica mai udita prima:

La novità del suono e ‘l grande lume
di lor cagion m’accesero un disio
mai non sentito di cotanto acume (Paradiso, I)

ANGELO, DIPINTO, MUSICA
Plum Leaves | Flickr
Melozzo da Forlì - Angelo

L’effetto di questa novità piacevolissima è l’accendersi di un «disio», desiderio, mai avvertito con tanta pienezza prima. È Dio che ci chiama a casa, mandandoci segni visivi, uditivi, tattili: lì dove trapela qualcosa del suo canto libero, ecco spalancarsi in noi la voglia di appartenere a questa Creazione che non è caos, non è disordine, non è cacofonia. A ciascuno il suo sparito, da scrivere sulla terra tentando di imitare il ritmo delle sfere celesti.

[youtube=https://www.youtube.com/watch?v=njVmbTzk5lM&w=560&h=315]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni