Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Quando il cielo canta noi sentiamo nostalgia del Paradiso (VIDEO)

GALASSIA, SPIRALE, UNVERSO
Shutterstock
Condividi

Un astrologo americano ha trasformato in musica i movimenti della Via Lattea ed è quasi un invito ad alzare lo sguardo all'armonia di Dio che non è poi così nascosta

Cielo e terra, si sfiorano all’orizzonte ma non si mescolano. Parlare di musica e armonia fa pensare al cielo, perché qua sulla terra siamo tutto tranne che accordati.

Tutti i modi di dire su «canti celestiali», «note paradisiache», «voci angeliche» sono diventati una melodia reale, perché l’astronomo americano Mark Heyer si è cimentato in un esercizio affascinante: ha tradotto in musica la Via Lattea, vale a dire ha trasformato in suoni 20 anni di segnali raccolti dai radiotelescopi impegnati a registrare i movimenti dei gas nella nostra galassia (da Ansa.it).

Addentrarsi su come abbia fatto è arduo per noi analfabeti di matematica complessa, però ci è riuscito, con un algoritmo: ad ogni specie di gas è stato attribuito uno strumento musicale e ora noi possiamo ascoltare la musica della Via Lattea.

Vorrei – neanche troppo sommessamente – ricordare che quei geni del Medioevo avevano un percorso di studi chiamato Quadrivio che fondato sulla somiglianza di queste quattro materie: aritmetica-geometria-astronomia-musica.

ANGELO, ARTE, MUSICA
Plum Leaves | Flickr
Melozzo da Forlì - Angelo

Che l’ordine matematico abbia a che fare col cosmo e con la musica, è una faccenda assodata da secoli e secoli. Probabilmente la parola armonia è sinonimo di «voce di Dio»; in qualunque contesto se ne faccia un briciolo di esperienza (la simmetria di un fiore o di una farfalla, la rotazione delle galassie, i notturni di Chopin) il cuore scappa dalla terra e vola lassù, dritto tra le braccia del Creatore.

In un saggio abbastanza complesso, John D. Barrow nota una verità piuttosto semplice: non esiste cultura al mondo (dall’età primitiva in poi) senza musica. E aggiunge:

La musica è tutto intorno a noi, al nostro orecchio e sulla punta delle nostre dita; ci stimola dalla testa ai piedi. Senza apprendere consapevolmente le sue regole, o intuirne la struttura profonda, possiamo reagire al ritmo di una ninnananna, essere destati dalle note di un’adunata, o avvinti alla quinta sinfonia di Beethoven. (John D. Barrow, L’universo come opera d’arte)

È un po’ come dire che anche se siamo zoppi ci lanciamo in un passo a due il giorno del nostro matrimonio. Stonati come campane, cantiamo sotto la doccia. Siamo nostalgici di quest’armonia che sta al principio del mondo e del tempo, e che manca nelle nostre giornata di traffico a singhiozzo, intoppi d’ogni tipo e voci che godono a sovrapporsi. Non saremo mai un coro, qui. Ma se ne ascoltiamo uno, sentiamo di appartenere di più a quell’armonia piuttosto che hai nostri battibecchi. È nostalgia di casa, di quel Paradiso dove gli angeli cantano, i cieli girano e la luce balla: tutto perfettamente in sintonia.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni