Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
San Charbel
home iconChiesa
line break icon

“Chiedere perdono 70 volte 7 alle vittime se è necessario”, dicono i vescovi cileni

Ary Waldir Ramos Díaz - pubblicato il 15/05/18

Un terzo atteggiamento, hanno sottolineato, è “il discernimento”, sia “comunitario che personale di tutti i vescovi” per evitare nuovi casi. “Nutriamo la speranza che questi incontri con il Santo Padre ci aiuteranno ad affrontare questi argomenti così gravi con la massima disponibilità, e anche con un importante senso di cambiamento e rinnovamento”.

Il primo incontro con il Pontefice si svolgerà il pomeriggio del 15 maggio nell’auletta dell’Aula Paolo VI del Vaticano. “Non è prevista la celebrazione dell’Eucaristia, né sappiamo se ci saranno incontri personali”, ha detto monsignor Ramos quando gli è stato chiesto se il Papa vuole incontrare privatamente alcuni vescovi.

Il Pontefice ha ammesso il suo errore e ha chiesto perdono.“Credo che il Papa ci abbia dato un esempio molto chiaro di quello che dobbiamo fare. Egli stesso ha riconosciuto di aver commesso un errore, e se fosse necessario anche noi lo faremo tutte le volte che servirà”, ha commentato il vescovo González, sottolineando l’importanza del perdono, “il punto fondamentale del tema che ci riunisce”.

José Andrés Murillo, Juan Carlos Cruz e James Hamilton, le vittime degli abusi di Fernando Karadima ricevute dal 27 al 30 aprile dal Papa nella Casa di Santa Marta, hanno affermato che ora sperano che il Successore di Pietro trasformi le parole di perdono in azione.

Il vescovo Ramos ha confermato che sarà il Santo Padre a prendere le misure per rispondere alle aspettative delle vittime ed evitare che tutto cada nel vuoto.

Dal canto suo, il vescovo González ha segnalato che “il punto principale sono le vittime”. “Noi abbiamo cercato di intraprendere questo cammino, e forse non si è riusciti a riparare per raccogliere i frutti che volevamo, ma se facciamo le cose bene, con umiltà e speranza, la speranza del Signore Gesù, pensiamo di poter riparare a tutte queste ferite nella società cilena e soprattutto nelle vittime, che sono la grande preoccupazione della Chiesa in questo momento”.

Ci si aspetta la rinuncia di alcuni vescovi? “Non ne siamo a conoscenza”, ha risposto deciso Ramos. Il desiderio più profondo è chiedere perdono e prevenire. “Far fronte al dolore delle vittime è per noi un imperativo morale molto grande, e se necessario faremo come dice Gesù: perdonare non sette volte, ma settanta volte sette”.

González ha confermato che la decisione di chiedere la rinuncia di qualche vescovo accusato di copertura spetta solo a Papa Francesco. “È possibile che accada. È possibile che chiami alcuni vescovi. Non è giusto che io giudichi dei miei fratelli”, ha detto rifiutando di offrire ulteriori dettagli. “Sono decisioni che spettano al Santo Padre”.

González, membro della commissione di prevenzione degli abusi della Conferenza Episcopale Cilena, ha detto che è possibile che il Papa abbia in questo momento “più informazioni di noi”.

Il vescovo di Osorno, Juan Barros, principale implicato nello scandalo di copertura, arriverà questo giovedì accompagnato da Germán Arana, gesuita spagnolo esperto in assistenza spirituale e con grande esperienza a livello di indagini sui casi di abusi in vari Paesi.

González ha detto di aver fatto compagnia a Barros per un’“opera di carità” e che non ha contatti con lui da due settimane: “Non ero io che dovevo giudicarlo”.

Monsignor Ramos ha aggiunto che non vede la convocazione di tutto l’episcopato cileno in Vaticano da parte del Papa come un’umiliazione, e che comunque “non è importante se siamo umiliati o meno”; “la cosa più importante è accompagnare le Chiese nel dolore”.

“Questo è un momento importante per la Chiesa”, ha proseguito riferendosi al futuro. “È un momento doloroso, ma ci apre a spunti di rinnovamento. Ci sono molte aree che possiamo migliorare, e questo cammino con il Santo Padre ci aiuterà a farlo”.

  • 1
  • 2
Tags:
abusicileKaradimavescovi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
3
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
4
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
7
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni