Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Mio figlio è vittima di bullismo, cosa posso fare?

BULLYING
Lightfield studios - Shutterstock
Condividi

Un bel giorno forse ci troveremo ad avere a che fare con il bullismo. Cosa possono o devono fare i genitori quando verificano che il proprio figlio è vittima di bullismo a scuola?

Per affrontare la questione, gli esperti María Zabay e José Antonio Casado consigliano i passi da compiere. Sono coautori del libro Todos contra el bullying. Claves para detectar, evitar y solucionar el acoso escolar” (ed. Alienta), che offre alcuni strumenti per una lotta al bullismo più coordinata tra genitori, professori e vittime.

BULLYING
Syda productions - Shutterstock

María Zabay, laureata in Giurisprudenza e giornalista, segnala quattro passi da compiere una volta che i genitori hanno verificato che il figlio o la figlia è vittima di bullismo.

È importante segnalare una cosa: bisogna fare i quattro passi (non se ne può trascurare nessuno) e farli in modo coordinato, senza aspettare di farne uno per passare al successivo.

1. Parlare con il bambino con comprensione

Ciò vuol dire che si parla del problema con il bambino ma non trattandolo come una situazione che dovrà affrontare da solo.

Bisogna chiarire che il bambino verrà guidato in questa situazione e che c’è una soluzione.

2. Aumentare l’autostima del bambino

In generale, i bambini che subiscono bullismo hanno una bassa autostima: viene detto loro che fanno sempre le cose male, che sono stupidi, che non servono a niente, che sono grassi o bassi…

BULLYING
Pixelheadphoto digitalskillet - Shutterstock

Di fronte a questa situazione, bisogna invertire il concetto che hanno di sé. Dobbiamo fare e dire cose perché sentano che siamo orgogliosi di loro. Ad esempio, può essere molto positivo iscriverli a un’attività in cui riescono bene: scacchi, danza, disegno… Incontrando altri bambini a cui piace quell’attività si sentiranno come pesci nell’acqua.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni