Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Storie di adozione: dalla ferita che non guarirà mai, una vita rinata

INDIAN GIRL SMILING
Condividi

La gioia di una figlia adottiva che ha accolto il proprio dolore e sperimenta una gratitudine sempre più matura per l'amore incondizionato dei suoi genitori

di Sangheeta Bonaiti

L’adozione non è ingiusta. È ingiusta la condizione che ha portato all’adozione, cioè l’abbandono. L’abbandono è brutto. Una cosa che nessuno vorrebbe. Ma se non ci fosse l’abbandono voi oggi non sareste genitori dei vostri figli. Io non sarei figlia di mio padre e mia madre. Quindi l’adozione è un regalo che ho ricevuto. La mia seconda occasione. La prima è stata la vita…33 anni fa potevo morire con mia mamma durante il parto. Invece sono viva. Potevo stare con mio padre e finire a morire in qualche villaggio. Potevo vivere ed ora essere vittima di schiavismo o di vendita degli organi o di pedofili…..chi vuole può aggiungere altro. Invece mio padre mi ha abbandonata. Mi ha lasciata in ospedale alle cure delle infermiere.

Quindi l’abbandono è il mio dramma ma è anche la mia rinascita. Senza l’abbandono non sarei qui oggi. Non sarei figlia, amica, sorella, moglie, mamma oggi. Senza l’adozione io non sarei neanche viva, forse. Allora piantiamola di farci i sensi di colpa. Oh povero l’ho tolto da quella terra….quella terra quando era il momento non mi ha voluta. Non era casa. Non era luogo di amore. Non avevo amore. Due persone sono venute in quella terra e mi hanno fatta sentire amata, a casa, voluta. Ma cosa c’è in questa scelta? Un semplice atto di amore incondizionato. Che ha cambiato me, la mia vita ed il mondo. Perché oggi posso dire al mondo che l’adozione per me è una cosa buona e bella. Chi sceglie questa strada sa che il fantasma dell’abbandono sarà sempre lì nel cuore di suo figlio. E suo figlio dovrà farne i conti. Prima o poi. E soffrirà…di maledetto. Ne soffrirà e cadrà. Ma accanto avrà bisogno di voi, che siete i suoi genitori. Non altri, ma voi che lo avete scelto da quando è arrivato tra le vostre braccia. Ti abbraccio e capisco il tuo dolore. Ti voglio bene. Ti sono vicino. Se non mi vuoi, sappi che io ci sarò sempre per te. Non posso risolvere io il dolore che porti, non ti posso sollevare da esso. È il tuo dolore, la tua ferita, il tuo buio. Posso dirti che è possibile superarlo il dolore, attraverso l’amore, attraverso il lavoro su di sé, attraverso il lavoro con qualcuno che lo sappia affrontare. Ma io non posso risolverlo per te.

Voi non potete salvare i vostri figli dallo spettro dell’abbandono. Non potete toglierlo. Perché affannarsi per togliere qualcosa, invece che dare qualcosa in più??? Toglierlo significa evitare il dolore, evitare il male, la ferita, il delirio, la disperazione? A meno che veniamo lobotomizzati, quel dolore non è possibile estirparlo. Che carte avete in mano per aiutare vostro figlio? Dite, quali sono le mosse che pensate di fare? Avete una speranza? Potete dire a vostro figlio che la sua vita vale, nonostante l’abbandono? Che ne è valsa la pena venire al mondo? Che ne è valsa la pena adottarlo? Perché un figlio ha solo bisogno di amore. Di essere amato. Esattamente così come è, lui ama nel suo modo. Ed ha bisogno di un padre ed una madre che nei fatti, nella concretezza dei fatti gli facciano capire che lo amano. Sempre e comunque.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni