Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Licenziato, perde la casa, la solidarietà di tutta Italia lo sostiene!

Condividi

Chi può, aiuti questa famiglia torinese

Torino – La crisi è stata impietosa con Alessandro R. e la sua famiglia. Licenziamenti e poi la mancanza di soldi, l’impossibilità di garantire un tetto sulla testa propria e dei suoi cari, la compagna e i suoi tre figli di 4 e 2 anni e il piccoli di 5 mesi appena. Al Corriere della Sera si racconta:

«Ho sempre lavorato, persino quando tirare a fine mese significava raccattare i soldi per coprire le spese (l’affitto, le bollette, il supermercato) e nient’altro». Alessandro ha lavorato come corriere, magazziniere, addetto al volantinaggio. «Dopo pochi mesi venivo rimpiazzato e la favola finiva. Poi è successo che una delle ditte che mi aveva assunto da un giorno all’altro è fallita e mi ha lasciato a casa con mesi di stipendio arretrati».

Chiedono una casa vera visto che per ora sono costretti a vivere in auto. Qualcuno si ferma, dà una mano, lascia qualcosa a volte anche solo una parola gentile. Alessandra, la compagna, cerca di far capire a propri figli il perché hanno dovuto mollare tutto, vivere in strada. Non è facile, l’angoscia e le lacrime fanno capolino. «Ogni giorno guardo in faccia i miei bambini e spiego loro che stiamo attraversando un momento difficile – racconta -, ma che ci rialzeremo più forti di prima». Le lacrime si fanno incessanti. Gli aiuti? «Ne arrivano pochi. Il Comune e i servizi sociali ci chiedono un reddito per assegnarci una casa, e noi non l’abbiamo. In compenso i nostri figli hanno fame. E per restituirgli la loro infanzia siamo disposti a tutto, a svolgere qualunque tipo di lavoro».

Ma la storia raccontata dal quotidiano milanese ha smosso la solidarietà e – raccontano al giornale – le lettere per Alessandro e la sua famiglia si sono moltiplicate. Per chi volesse fare qualcosa:

È possibile contattare la famiglia alla mail alessandra.2404@hotmail.it

 oppure scrivete via WhatsApp al numero del Corriere della Sera 3462650177.
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni