Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 22 Aprile |
Sant'Anselmo d'Aosta (e di Canterbury)
home iconNews
line break icon

Licenziato, perde la casa, la solidarietà di tutta Italia lo sostiene!

Youtube / CronacaQui

Lucandrea Massaro - pubblicato il 11/05/18

Chi può, aiuti questa famiglia torinese

Torino – La crisi è stata impietosa con Alessandro R. e la sua famiglia. Licenziamenti e poi la mancanza di soldi, l’impossibilità di garantire un tetto sulla testa propria e dei suoi cari, la compagna e i suoi tre figli di 4 e 2 anni e il piccoli di 5 mesi appena. Al Corriere della Serasi racconta:

«Ho sempre lavorato, persino quando tirare a fine mese significava raccattare i soldi per coprire le spese (l’affitto, le bollette, il supermercato) e nient’altro». Alessandro ha lavorato come corriere, magazziniere, addetto al volantinaggio. «Dopo pochi mesi venivo rimpiazzato e la favola finiva. Poi è successo che una delle ditte che mi aveva assunto da un giorno all’altro è fallita e mi ha lasciato a casa con mesi di stipendio arretrati».

Chiedono una casa vera visto che per ora sono costretti a vivere in auto. Qualcuno si ferma, dà una mano, lascia qualcosa a volte anche solo una parola gentile. Alessandra, la compagna, cerca di far capire a propri figli il perché hanno dovuto mollare tutto, vivere in strada. Non è facile, l’angoscia e le lacrime fanno capolino. «Ogni giorno guardo in faccia i miei bambini e spiego loro che stiamo attraversando un momento difficile – racconta -, ma che ci rialzeremo più forti di prima». Le lacrime si fanno incessanti. Gli aiuti? «Ne arrivano pochi. Il Comune e i servizi sociali ci chiedono un reddito per assegnarci una casa, e noi non l’abbiamo. In compenso i nostri figli hanno fame. E per restituirgli la loro infanzia siamo disposti a tutto, a svolgere qualunque tipo di lavoro».

Ma la storia raccontata dal quotidiano milanese ha smosso la solidarietà e – raccontano al giornale – le lettere per Alessandro e la sua famiglia si sono moltiplicate. Per chi volesse fare qualcosa:

È possibile contattare la famiglia alla mail alessandra.2404@hotmail.it

 oppure scrivete via WhatsAppal numero del Corriere della Sera 3462650177.
Tags:
crisi economicaitaliasolidarieta
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo specchio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni