Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Beato Giacomo Alberione
home iconSpiritualità
line break icon

I motivi del successo della devozione alla Santissima Vergine

Gaudium Press - pubblicato il 10/05/18

Senza devozione alla Madonna, la religione si tinge di razionalismo

Queste due disposizioni – umiltà e fiducia – rappresentano la base del sentimento religioso, ed è per questo che ogni anima religiosa comprende la devozione alla Santissima Vergine.

Un’anima che smette di comprenderla smette di essere religiosa o è pronta a fabbricarsi una religione più o meno tinta di razionalismo, come certi stoici battezzati che hanno formato la propria spiritualità più sui libri di morale degli studi universitari che sugli autori ascetici. Per quelle anime, Cristo è più un modello che posa davanti a loro che un amico che vive in loro e le fa vivere. Verrà il giorno in cui, dopo inutili sforzi, riconosceranno finalmente la loro debolezza radicale e si getteranno umilmente tra le braccia di Dio. Quel giorno inizeranno anche a volgersi alla Santissima Vergine.

Ecco il motivo per il quale tante persone hanno smesso di avere una religione e si accontentano di una semplice filosofia: hanno eliminato la devozione alla Santissima Vergine per andare più direttamente – pensavano – a Gesù Cristo. Ora, perdendo di vista la Santissima Vergine, hanno perso rapidamente anche Gesù Cristo.

Il cardinale Newman, nella sua splendida Lettera a Pusey, sul culto della Madonna, dice che “a Maria è affidata la custodia dell’Incarnazione. Se guardiamo l’Europa, verificheremo che le Nazioni e i Paesi che hanno perso la fede nella divinità di Cristo sono proprio quelli che hanno abbandonato la devozione a sua Madre, e dall’altro lato quelli che si sono più distinti nel suo culto hanno custodito l’ortodossia”.

Tracciando la mappa della devozione a Maria avremmo tracciato la mappa dell’espansione e della conservazione della fede cristiana, e questo non solo nel XIX secolo né a partire dalla Riforma, ma nel corso di tutta la storia della Chiesa, come concluderà Neubert nella sua tesi per quanto riguarda i primi secoli cristiani, dicendo che “tutta la storia delle origini della mariologia si presenta come la storia della difesa e dell’ampliamento della cristologia. La Madre era la garanzia del Figlio, e la gloria del figlio iniziava a effondersi sulla Madre”.

La grandezza di Maria può essere intesa solo in relazione all’Incarnazione

Il Vangelo è la vita di famiglia con Dio. Egli sarà chiamato Emmanuele, Dio con noi, Dio nostro Padre, Gesù nostro Fratello Primogenito, venuto a noi per incontrarci e ricondurci al Padre. Ma non capiremo mai meglio quanto Dio sia nostro Padre che pensando alla dolce Madre che Egli ci ha donato. E non comprenderemo mai Gesù come nostro Fratello Primogenito se non contemplandolo accanto a Maria, nostra Madre comune. E allora, come non dobbiamo isolare Gesù da Maria, non dobbiamo isolare neanche Maria da Gesù.

Maria ci aiuta a comprendere Gesù. Non si può meditare sui privilegi di Maria senza capire meglio suo Figlio, da cui e a causa del quale li ha ricevuti. Allo stesso modo, solo in Gesù possiamo comprendere Maria: Gesù è tutta la ragion d’essere di Maria, e questa non sarebbe ciò che è se non in vista dell’Incarnazione e della Redenzione. Esaltare le grandezze di Maria senza mostrare il suo rapporto con l’Incarnazione è farlo a metà e dare la forte impressione di gente sviata. Ecco il motivo per il quale certi libri, certe cose sulla Santissima Vergine, lasciano un senso di vuoto, di insipidità o di iperbole. Non correremo mai il rischio di sembrare iperbolici, parlando di Maria, se avremo la cura di presentarla insieme al suo Figlio Divino. Ma voler ammirare Maria astraendo da Gesù è una cosa assurda tanto quanto estasiarsi per lo splendore dell’aurora un giorno in cui il sole è coperto da nubi grigie.

Se volessimo passare in rassegna le virtù cristiane e tutta la diversità dei nostri stati d’animo e le fasi della nostra vita interiore, potremmo moltiplicare in modo indefinito i particolari di questi aspetti psicologici della devozione alla Santissima Vergine.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
devozionesuccessovergine maria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni