Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 27 Gennaio |
Sant'Angela Merici
home iconFor Her
line break icon

Sfregio alla vera bellezza della liturgia e della moda alla corte della papessa Rihanna (FOTO)

RIHANNA MET

Facebook I Rihanna

Paola Belletti - Aleteia - pubblicato il 09/05/18

Si è svolta ieri la sfilata inaugurale per la mostra che aprirà i battenti domani al Metropolitan Musem of Art di New York dal titolo “Heavenly Bodies: Fashion and the Catholic Imagination"

Il Met Gala è l’evento che inaugura

la mostra di moda più importante dell’anno: quella del Costume Institute al Metropolitan Museum di New York. Quest’anno la mostra è dedicata all’abbigliamento del Vaticano e della Chiesa, e alle influenze reciproche con la moda secolare, dal titolo Heavenly Bodies: Fashion and the Catholic Imagination, ovvero Corpi divini: moda e immaginario cattolico

così su Il Post . Sulle star e sul pubblico ottiene, pare, lo stesso effetto di attesa e fibrillazione della notte degli Oscar e lo stesso corredo di spasmodica ricerca di scatti in qualche modo riusciti: hot, eleganti, trash, deludenti, sorprendenti, scandalosi. Rihanna ha di sicuro fatto strike: avrà colpito la curiosità di tanti, esclusi naturalmente quelli che si aspettavano eleganza. Non si può evitare di essere colpiti, ma come lo saremmo da uno schiaffo, dalle forme imposte al nostro sguardo dalla compressione del corpetto, dalla brevità della gonna, dalla luce urlata emessa dalle pietre applicate sull’abito, la mitra, lo strascico. Eppure lei, come gli altri ospiti, ha diligentemente rispettato il dress code: vestirsi ispirandosi al tema della mostra, o meglio a quello che del tema avessero compreso. (Poco, pochissimo, nulla?)

Ali piumate, cuori trafitti di spade, crocifissi stampati o indossati. Natività incastonate su copricapi che definire kitch suona benevolo (che sia un’inconsapevole nemesi per la Parker di Sex and the City?). Di divino non si vede nulla, di corporeo, no meglio di carnale, troppo. E’ impossibile non provare una sofferenza per la resa così grottesca e irrispettosa di ciò che la liturgia, anche negli abiti ecclesiali per le celebrazioni, davvero rende presente.




Leggi anche:
Il vestito, megafono del corpo e dell’anima

Non è imbellettando la corporeità così com’è, facendola brillare di una luce che ancora non le spetta, che il corpo si divinizza. Perché è compresa anche questa, di promessa, nel piano della Redenzione: quella di una carne guarita, risorta, gloriosa. Di un corpo bello, giovane, incorruttibile. Di una bellezza per noi misteriosa che attrae senza sedurre, che appaga senza turbare. Sembra allora una goffa ma non innocua rapina quella che le “star” hanno compiuto dal tesoro inestimabile che loro stessi forse vivono come “immaginario cattolico”. Per questo provo sia dolore e indignazione per lo sfregio compiuto, sia pena per chi forse ancora non ha avuto modo di intuire a cosa possiamo avere accesso già qui, ora, se veniamo innestati nel Corpo di Cristo che è la Chiesa. Altro che tessuti preziosi e broccati, altro che colori sgargianti e forme da ripetere e profanare. Altro che angioloni sgraziati (in senso letterale) ma sexy; altro che sguardi rapaci come l’ego di chi li sfoggia.

  • 1
  • 2
Tags:
liturgiamoda
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Claudia Koll Vieni da me Rai1
Silvia Lucchetti
Claudia Koll: ho pregato tanto per mio figlio malato e ho ricevut...
5
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
6
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
7
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni