Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 18 Giugno |
Beato Joseph-Marie Cassant
home iconCultura
line break icon

The Beach Boys: quando Brian Wilson cercò in Dio una musica celestiale

Jordan Runtagh - pubblicato il 09/05/18

Nel 1966 la leggendaria band scrisse il suo primo brano pop, che menzionava Dio nel titolo. Alcuni gridarono alla blasfemia

Nel 1964 Brian Wilson, che all’epoca aveva 22 anni, scrisse una lettera d’amore a Marilyn Rovell, che poi sarebbe diventata sua moglie. Concluse il testo firmando: “Tuo finché Dio non ci separi”. Come la sua musica, la frase era un misto di passione giovanile e reverenza spirituale, caratterizzata da un’inquietudine incessante.

Ciascuna di quelle forze ha definito la sua vita tumultuosa e lo ha portato a creare la più grande realizzazione artistica dei The Beach Boys, l’album Pet Sounds, del 1966.

Il brano principale dell’album, God Only Knows (Lo sa solo Dio), richiama le parole della sua lettera d’amore e il turbine di sentimenti che l’aveva ispirato. Nel mezzo secolo trascorso dalla sua registrazione è entrato nell’elenco delle canzoni di amore eterno, ed è stato citato da Paul McCartney come il più bello mai scritto.

Il tutto è ancora più singolare se si ricorda che il brano venne inizialmente bandito dalle stazioni radiofoniche del Sud degli Stati Uniti. God Only Knows provocò un’ondata di proteste dopo il suo lancio, facendo infuriare chi non voleva il nome del Signore nel titolo di una canzone pop, considerandola una blasfemia.

Nulla poteva essere più lontano dalle intenzioni di Wilson, che una volta ha detto “Credo che la musica sia la voce di Dio”.

Per l’album di Natale dei The Beach Boys del 1964, Wilson organizzò una versione corale di The Lord’s Prayer, e il suo progetto del 1967, SmiLE – che divenne noto come la sua “sinfonia adolescente per Dio” –, si aprì con Our Prayer, un inno senza parole che ricordava il canto gregoriano.

  • 1
  • 2
Tags:
canzonedio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
7
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni