Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Chiesa

La "nuova" missione degli esorcisti: più diagnosi mediche, meno possessioni demoniache

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 09/05/18

Indice puntato contro sensazionalismo e superstizione. Ok anche all'uso dei cellulari. Ma in modo costruttivo. Ecco le conclusioni del convegno internazionale del "Regina Apostolorum"

Meno esorcismi, più consulti e preghiere di liberazione. Evolve la missione dell’esorcista. E se non c’è la possibilità di un confronto viso a viso con la persona che chiede aiuto, ben venga la condivisione della spiritualità attraverso gli smartphone.

Ne hanno discusso oltre 200 persone provenienti da 51 Paesi diversi, riunite alla Pontificia Università “Regina Apostolorum” a Roma per il tradizionale convegno (iniziato nel 2005) su “Esorcismo e preghiera di liberazione”.

Guarigione e malattie

«Il corso – spiega padre Luis Ramirez, LC, dell’Istituto Sacerdos, tra gli organizzatori dell’iniziativa – è nato per venire ad incontro a chi vuole capire meglio la modalità di aiuto più adatta verso le persone che hanno bisogno di una guarigione spirituale, ma che tante volte tale guarigione implica identificare altri malattie che possono subire le persone: disturbi psicologiche, fisiologiche, dipendenze di sostanze, etc. Allora, la interdisciplinarietà gioca un ruolo importante nella riflessione, perché la carità pastorale va declinata con la verità» (La Stampa, 16 aprile).




Leggi anche:
Quand’è che un esorcismo è un vero esorcismo cattolico?

“Cambiare mentalità”

«Purtroppo tante volte – osserva padre Ramirez – l’argomento della guarigione spirituale si affronta con un atteggiamento di superstizione e sensazionalismo. Il corso pretende cambiare questa mentalità e sottolineare che le vittime delle malattie spirituali vanno aiutate con tutte le risorse che abbiamo a disposizione».

Ok agli smartphone

Tra queste anche la tecnologia. Il cardinal albanese Ernest Simoni, 90 anni, che ha introdotto i lavori del convegno – durato cinque giorni, dal 16 al 21 aprile – ha suggerito di usare il cellulare.


FRA BENIGNO ESORCISTA

Leggi anche:
Il più commovente caso di liberazione: quando a cacciare il diavolo fu una comunità orante

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
diavolo
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni