Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

9 idee positive per prendersi cura di familiari malati a casa

Condividi

Le persone affette da una lunga malattia sono il nostro tesoro, e possiamo far percepire loro il nostro affetto nella quotidianità

Volevamo offrirvi qualche idea per prendervi cura al meglio di familiari malati a casa:

1. Dar loro la stanza migliore della casa. Anche se a volte la stanza migliore è la propria, e qualunque siano le condizioni. Per le persone anziane che hanno vissuto per decenni nello stesso posto, la stanza è una parte di sé. Può anche essere che una nonna abbia partorito lì. Quando si tratta di una lunga malattia, però, bisogna pensare alle condizioni per il benessere del malato e di tutta la famiglia.

In quei casi, se il malato può essere spostato, bisogna fare attenzione ad alcuni aspetti:

  • che si trovi in una stanza ben ventilata e in cui possa distinguere il giorno dalla notte. È molto più gradevole una stanza con finestra, che si possa aprire per qualche minuto per far ventilare l’ambiente almeno una volta al giorno.
  • aiuta il recupero anche il fatto che il malato possa orientarsi con la luce del sole. La luce naturale attiva l’“orologio biologico”, e questo faciliterà che dorma di notte e si svegli al mattino.
  • le condizioni igieniche sono importanti: raccogliere la spazzatura della stanza almeno una volta al giorno (pannolini…) e cambiare spesso le lenzuola (soprattutto se c’è febbre). Delle lenzuola pulite (meglio se di cotone) sono assai gradevoli.
  • che si trovi in un luogo che lo aiuti a migliorare. Sembra ovvio, no? Alcune malattie (almeno nei primi giorni) richiedono calma e silenzio, mentre per altri mali è meglio partecipare alla vita della casa ed essere circondato da altre persone. Forse una buona opzione è rimanere (almeno alcune ore) nel salone o nella sala da pranzo della casa, perché in questo modo il malato può godere della conversazione di chi va e viene e partecipa alla quotidianità della famiglia (notizie, uscita ed entrata di bambini e adulti…).

2. Affidare loro compiti alla loro portata, ad esempio leggere il giornale e aggiornare gli altri membri della famiglia, dare la merenda ai più piccoli, leggere loro qualche storia…
3. Se sono in una stanza a parte, è bene che abbiano qualche sistema di comunicazione. Vanno bene gli interfoni per bambini, perché così si sa cosa stanno facendo in ogni momento. È anche utile che abbiano un fischietto o una campanella per avvertire quando hanno bisogno di qualcosa. Se hanno un cellulare, possono usarlo per chiamare o mandare un messaggio.

4. È bene che ci sia una persona incaricata delle medicazioni, che sappia bene tutto ciò che deve prendere il malato e a che ora bisogna somministrargli ogni farmaco. È bene mettere tutti i farmaci in un unico posto e che sia solo una persona a tenere la “contabilità”, preparando le medicine e confermando ciò che è stato assunto.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni