Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come affrontare le distrazioni durante la preghiera secondo Santa Teresa di Lisieux

Santa Teresa di Lisieux - LA FORZA DEI PICCOLI "L'età non conta nulla agli occhi del buon Dio, e farò in modo di restare una bambina piccola, anche vivendo molto a lungo"
Condividi

Il “Piccolo Fiore” offre un semplice consiglio per chi lotta con le distrazioni mentre prega

A molti di noi capita di essere bombardati da distrazioni costanti quando si prega. Potrebbe essere qualsiasi cosa, dal ticchettio dell’orologio al suono di un clacson, perfino una serie di pensieri su varie persone o vari rapporti nella nostra vita.

Può essere difficile concentrare la nostra attenzione su Dio e mantenere una conversazione con Lui.

A volte, tuttavia, queste distrazioni non sono affatto “distrazioni”, ma pensieri introdotti da Dio volti al nostro beneficio spirituale.

Ecco, ad esempio, cosa ha scritto Santa Teresa di Lisieux sul fatto di essere distratti durante la preghiera:

Anch’io ne ho molte [di distrazioni], ma appena me ne accorgo prego per le persone il cui pensiero sta distraendo la mia attenzione, e in questo modo loro traggono beneficio dalla mia distrazione.

A volte Dio vuole distrarre la nostra attenzione e gettare luce su un amico o un familiare che lotta con qualcosa e può avere bisogno delle nostre preghiere o della nostra carità. In questo modo la distrazione viene indirizzata nella giusta direzione, e anziché allontanarci da Dio ci avvicina a Lui e al suo progetto divino.

La chiave è essere attenti quando questo accade e notare quando si sta pensando a qualcuno nella propria vita, o perfino a qualcosa che si è visto su Facebook. In alcuni casi, Dio potrebbe volere che si preghi per quella persona o le si tenda una mano.

San Josemaría Escrivá dice che “più un apostolo è vicino a Dio, più universali sono i suoi desideri. Il suo cuore si amplia e accoglie ogni persona e ogni cosa nel suo desiderio di mettere l’universo ai piedi di Gesù”.

E allora, la prossima volta in cui vi sentirete distratti durante la preghiera offrite quella situazione a Dio e aprite il vostro cuore a qualsiasi cosa Egli voglia comunicarvi in quel momento.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.