Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
Santa Teresa Eustochio Verzeri
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: amati dal Risorto, amiamo e tuteliamo sempre la vita

PAPIEŻ FRANCISZEK

AP/EAST NEWS

Vatican News - pubblicato il 06/05/18

Il Pontefice al Regina Caeli: l’altro da amare, per condividere l’amore di Cristo, sono gli anziani anche se creano disagi, i malati anche all’ultimo stadio, i nascituri che vanno sempre accolti

Gesù ce lo ha indicato più volte, “l’altro da amare, non a parole ma con i fatti, è colui che incontro sulla mia strada e che, con il suo volto e la sua storia, mi interpella”. Papa Francesco lo ripete prima del Regina Caeli, recitato dalla finestra del suo studio nel Palazzo apostolico con i numerosi fedeli che illuminano una Piazza San Pietro senza sole. Da amare per condividere l’amore di Cristo, che nel Vangelo di Giovanni inserito nella liturgia di questa domenica, chiede ai discepoli: “rimanete nel mio amore” e “amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi”. Amate quindi, spiega Francesco, gli anziani anche se creano disagi, i malati anche all’ultimo stadio, i nascituri che vanno sempre accolti.

L’ amore di Cristo è vivere come Lui vuole

E’ questo il significato della consegna di Gesù ai discepoli e a coloro che vogliono attuare “stili di vita coerenti per essere la comunità del Risorto”. Perché, chiarisce il Papa “l’ amore di Cristo non è un sentimento superficiale, ma un atteggiamento fondamentale del cuore, che si manifesta nel vivere come Lui vuole”. L’ amore si realizza nella vita di ogni giorno, prosegue il Pontefice, “negli atteggiamenti, nelle azioni. Altrimenti è soltanto qualcosa di illusorio”. Solo parole, metro l’amore è concreto. I comandamenti che Gesù ci chiede si riassumono in uno solo: “che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi”.

L’ altro da amare è chi incontro sulla mia strada

Come fare, si domanda e ci domanda Papa Francesco, perché questo amore che il Signore risorto ci dona possa essere condiviso dagli altri?

Più volte Gesù ha indicato chi è l’altro da amare, non a parole ma con i fatti. È colui che incontro sulla mia strada e che, con il suo volto e la sua storia, mi interpella; è colui che, con la sua stessa presenza, mi spinge a uscire dai miei interessi e dalle mie sicurezze.

Se sono unito a Gesù, il suo amore può attirare l’ altro

E’ colui, prosegue il Papa, “che attende la mia disponibilità ad ascoltare e a fare un pezzo di strada insieme”. Cominciamo da chi “mi è vicino in famiglia, nella comunità, al lavoro, a scuola… In questo modo, se io rimango unito a Gesù, il suo amore può raggiungere l’altro e attirarlo a sé, alla sua amicizia”. E questo amore per gli altri, chiarisce ancora Francesco, “non può essere riservato a momenti eccezionali, ma deve diventare la costante della nostra esistenza”.

Ecco perché siamo chiamati a custodire gli anziani come un tesoro prezioso e con amore, anche se creano problemi economici e disagi. Ecco perché ai malati, anche se nell’ultimo stadio, dobbiamo dare tutta l’assistenza possibile. Ecco perché i nascituri vanno sempre accolti; ecco perché, in definitiva, la vita va sempre tutelata e amata dal concepimento al suo naturale tramonto.

L’ Eucaristia forma in noi il Cuore di Cristo

Amarci come Gesù ci ama, conclude il Pontefice, non è possibile “se non abbiamo in noi il suo stesso Cuore. L’Eucaristia, alla quale siamo chiamati a partecipare ogni domenica, ha lo scopo di formare in noi il Cuore di Cristo, così che tutta la nostra vita sia guidata dai suoi atteggiamenti generosi”. Maria ci aiuti “a rimanere nell’amore di Gesù e a crescere nell’amore verso tutti, specialmente i più deboli”, perché è questa la nostra vocazione cristiana.

QUI L’ORIGINALE

Tags:
cultura della vitapapa francescoregina caeli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni