Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconFor Her
line break icon

Un incidente sul campo da rugby: la 18enne Rebecca ora gioca nel Campionato del Cielo

REBECCA BRAGLIA, RUGBY, MADONNA

Giuliano Braglia | Facebook

Annalisa Teggi - Aleteia - pubblicato il 04/05/18

Morta per un colpo alla testa senza colpa di nessuno, da subito il padre ha guardato la tragedia con gli occhi della Fede: "Ora è nella Casa del Padre e prega per noi"

Quando vedo mio figlio girare per casa con gli occhi incollati al cellulare, spontaneamente monta in me un certo nervosismo. Richiamo Michele con veemenza: basta! E lui anziché arrabbiarsi come al solito, viene da me triste e mi dice: «È la chat del rugby, guarda mamma».

Scorro velocemente i messaggi e vedo parole strane: preghiera-miracolo. Non è la solita conversazione a suon di parolacce e scherzi. Intanto Michele mi parla: «Mamma, domenica durante una partita della nostra squadra femminile, un’avversaria ha battuto la testa e ora è in coma. Chiedono preghiere perché accada un miracolo e si salvi».


OROZCO

Leggi anche:
I medici hanno lasciato morire la figlia, ma loro hanno trasformato il dolore in servizio

Abbiamo saputo così di Rebecca Braglia, ed è stato un colpo al cuore. Sì, perché il rugby è una grande famiglia; mio figlio ci gioca da 5 anni e devo sempre veicolare all’esterno un messaggio chiaro: non è uno sport «cattivo». È di contatto, duro, sporco, muscolare; ma non c’è violenza malvagia. Anzi. Proprio perché il gioco prevede un corpo a corpo massiccio, la lealtà e il rispetto delle regole sono valori imprescindibili. Non mi stancherò mai di dire quanto mio figlio, grazie al rugby, ha imparato l’affiatamento, la condivisione, il supporto con i suoi compagni … e non le spinte, la cattiveria, la competizione brutale.

Dunque il tragico evento che ha colpito Rebecca, giocatrice del Colorno Rugby di Parma, è stato un incidente di cui non è colpevole nessuno, neppure il rugby come sport. Lo afferma con chiarezza il padre, Giuliano Braglia:

«Non ci sono colpe particolari e tutto è avvenuto nell’ambito di un normale scontro di gioco. Da Ravenna l’hanno portata domenica pomeriggio all’ospedale Bufalini con l’eliambulanza, l’hanno sottoposta a due ore di intervento chirurgico. I medici l’hanno operata solo perché aveva 18 anni e tanto era grave la lesione» (da Il Resto del Carlino).

Il fatto è avvenuto domenica scorsa a Ravenna nel corso di una partita della Coppa Italia femminile: un colpo forte alle testa; Rebecca è rimasta in coma e poi è deceduta nella giornata di mercoledì.


CARLOTTA NOBILE

Leggi anche:
Carlotta Nobile: la sua, una croce che continua a fiorire (VIDEO)

Gli occhi più giusti attraverso cui guardare questa vicenda sono quelli di suo padre Giuliano Braglia, che fin da subito ha messo in relazione la terra e il Cielo. Non ha guardato la tragedia che lo stava colpendo – all’improvviso! – con il viso basso, ma con la confidenza di chi osa giudicare un dolore alla luce della vita eterna. Spontaneamente ho pensato a lui con le parole del salmo:

Beato l’uomo che retto procedee non entra a consiglio con gli empie non va per la via dei peccatori,nel convegno dei tristi non siede.Nella legge del Signoreha riposto la sua gioia;se l’è scritta sulle portee la medita di giorno e di notte.

Non siede nel convegno dei tristi e ha riposto la sua gioia nel Signore. È possibile fare un’esperienza simile quando, come un ladro di notte, un incidente ti porta via una figlia? Leggere i messaggi pubblicati da papà Giuliano su Facebook, per condividere prima la degenza in ospedale e poi il lutto, significa – per noi spettatori – ammirare una volta di più una famiglia che fa della fede non tanto il pretesto per affrontare l’inaffrontabile, ma proprio il fondamento nutriente della vita:

  • 1
  • 2
Tags:
giovanimorte

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
5
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni