Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come fare il segno della croce prima del Vangelo a Messa

POPE FRANCIS,SIGN OF THE CROSS
Andreas Solaro | AFP
Condividi

È più di un semplice gesto di routine, ha un profondo simbolismo biblico

Per i cattolici romani, prima della proclamazione del Vangelo durante la Messa c’è un gesto rapido che può spesso passare inosservato. Consiste in un breve segno della croce diverso da quello che si fa di solito, ma dal grande valore simbolico.

Questo gesto è un’imitazione diretta di quello che deve fare il sacerdote prima di recitare le parole del santo Vangelo. Il Messale Romano afferma infatti che il sacerdote traccia “con il pollice il segno di croce sul libro e sulla propria persona, in fronte, sulla bocca e sul petto”.

Prima di questo, se è un diacono a proclamare il Vangelo, il sacerdote gli impartirà una benedizione recitando questa preghiera:

Il Signore sia nel tuo cuore e sulle tue labbra, perché tu possa annunziare degnamente il suo Vangelo: nel nome del Padre, e del Figlio, e dello Spirito Santo.

In modo simile, quando è il sacerdote a proclamare il Vangelo dice in silenzio:

Purifica il mio cuore e le mie labbra, Dio onnipotente, perché possa annunziare degnamente il tuo Vangelo.

I fedeli e tutti gli altri presenti alla Messa sono invitati a recitare una preghiera simile e a fare lo stesso gesto prima della lettura del Vangelo. Sono anche incoraggiati a recitare in silenzio una breve preghiera che li prepari a ricevere la Parola di Dio:

La Parola del Signore sia nella mia mente, sulle mie labbra e nel mio cuore.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni