Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Giulia Sauro ha la sindrome di Down ma anche una laurea con 110 e lode

VINCENZO DE LUCA AND GIULIA SAURO
Condividi

Sono corsi in tanti a congratularsi con lei alla consegna della laurea in Scienze politiche all'istituto L'Orientale di Napoli. Ma tanti, prima, hanno corso con lei per questo e altri traguardi

Lei si chiama Giulia e ha trentatré anni, quasi trentaquattro; si è appena laureata con il massimo dei voti, lode compresa. Non è mancato nemmeno il bacio accademico e, oltre a quello possiamo pensare ne abbia ricevuti a bizzeffe dalla famiglia e dagli amici.

Certo, è arrivata un po’ lunga, ma il suo fuori corso non salterà tanto all’occhio nel curriculum più di quanto non capiti ad altri suoi colleghi, in questo non è così speciale. Lo è invece nelle condizioni di partenza, perché Giulia Sauro è affetta dalla sindrome di Down. Una condizione genetica  che comporta ritardo cognitivo e altre disabilità, che possono essere più o meno gravi. Da una situazione iniziale caratterizzata da svantaggio o impedimento ci si aspetterebbero performance scandenti, anzi, pochi forse si aspettano di vedere ragazzi con sindrome di Down nei corridoi, nelle aule, nelle biblioteche dei nostri Atenei. Innanzitutto perché, lo dobbiamo tristemente ricordare, molti di loro nemmeno arrivano al primissimo sbarramento: quello che consente l’accesso all’esistenza. Non è ancora dichiarato l’obiettivo Down 0 ma la possibilità di scartarli prima che diventino autonomi dal corpo della madre è incentivata e favorita dalle indagini prenatali così caldamente consigliate a scopo falsamente terapeutico.

Raccontiamo allora molto volentieri storie di vita vera, vissuta con gusto, senza sciocche semplificazioni perché se davvero ci interessa una vita di qualità quella di Giulia sembra essere ottima.

Giulia è stata aiutata, i contenuti e gli obiettivi sono stati adattati alle sue capacità ed è stata accompagnata. Era iscritta come altri 119 studenti con disabilità al SOD, lo Sportello Orientamento Disabili dell’Ateneo. Il papà è contento e racconta del grande impegno profuso da sua figlia in questa impresa, ardua per tutti ma non impossibile. Spera che possa trovare un’occupazione adeguata, come tutti i genitori.

La discussione della tesi, svolta sulla rivoluzione francese e seguita dal professor Luigi Mascilli Migliorini come relatore, è avvenuta nella sessione di marzo ma ha ottenuto clamore ed entusiasmo sui media per gli incontri con i responsabili delle istituzioni partenopee e campane, avvenuti in questi giorni.

Sul sito dell’Ansa viene riportata la notizia degli incontri avvenuti nei giorni scorsi: qualche giorno fa con il sindaco di Napoli Luigi De Magistris e il primo maggio con il governatore della Regione Vincenzo de Luca.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.