Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La tragedia più grande dopo la II Guerra Mondiale

REFUGEES
Condividi

Il tema dei rifugiati e dei migranti non è un fatto passeggero

Papa Francesco ha definito varie volte la crisi dei migranti e dei rifugiati la tragedia più grande dopo la II Guerra Mondiale.

A Lesbo (Grecia), nell’aprile 2016, ha ammesso che le preoccupazioni delle istituzioni e della gente circa l’ingresso nel proprio Paese di rifugiati e migranti sono “comprensibili e legittime”, ma ha anche esortato il mondo occidentale a non dimenticare che i migranti, “prima di essere numeri, sono persone, sono volti, nomi, storie”.

Fin dall’inizio del suo pontificato il tema dei rifugiati e dei migranti è stato ricorrente, soprattutto il trattamento vessatorio che subiscono molte donne e molti bambini. “Purtroppo alcuni, tra cui molti bambini, non sono riusciti nemmeno ad arrivare: hanno perso la vita in mare, vittime di viaggi disumani e sottoposti alle angherie di vili aguzzini”, ha detto in quell’occasione nell’isola di Lesbo.

Leggi anche:
Migrazioni e tratta

Una situazione su cui meditare

La situazione è senz’altro grave. In questo momento, secondo un’analisi svolta dal Pew Research Center con dati delle Nazioni Unite relativi al dicembre 2017, nel mondo ci sono 257.720.000 migranti e rifugiati, intendendo persone che si sono viste costrette a lasciare il proprio Paese d’origine per varie circostanze, le più ricorrenti delle quali sono la fame, la mancanza di impiego, la violenza e la guerra.

Dal 2010 al 2017 le migrazioni mondiali sono aumentate del 17%, e la novità è che le Nazioni dell’Africa subsahariana rappresentano otto delle dieci popolazioni di migranti internazionali con la crescita più rapida dal 2010. Il numero di migranti di ciascuno dei Paesi subsahariani è aumentato del 50% o più dal 2010 al 2017.

Il rapporto del Pew Center segnala che “almeno un milione di africani subsahariani si è trasferito in Europa dal 2010. In concomitanza con i sette anni di guerra civile di cui soffre, la Siria ha la popolazione migrante e rifugiata con la più rapida crescita al mondo: sei siriani su dieci di prima del conflitto interno sono sfollati”.

Siria, Sud Sudan e Repubblica Centroafricana

La Siria guida il totale dei migranti nel mondo con 6.860.000 persone fuori dal Paese di nascita. La percentuale di crescita dei rifugiati siriani è aumentata del 536% dal 2010 al 2017. Il Paese successivo è il Sud Sudan, con 1.750.000 rifugiati (con un aumento del 334% nello stesso periodo), seguito dalla Repubblica Centroafricana, con 720.000 rifugiati e una percentuale di aumento del 204%.

In base alla percentuale di aumento (e non al numero di rifugiati), nel 2017 Siria, Sud Sudan e Repubblica Centroafricana sono stati seguiti da São Tomé e Príncipe (un Paese africano formato da varie isole situate nel golfo di Guinea, a nord-est della costa del Gabon) con 80.000 migranti, con una percentuale di incremento del 167% dal 2010 al 2017.

Seguono per migranti e rifugiati nel 2017 Eritrea, Namibia, Ruanda, Botswana, Sudan e Burundi. A livello di numero totale di rifugiati e migranti nel 2017, il Sudan, con 1.950.000 persone, segue la Siria, ma la crescita a livello percentuale negli ultimi sette anni in Sudan è stata del 63%.

Gli ultimi dati del 2017

Lo scorso anno, il numero totale di persone al mondo che si sono viste costrette a fuggire dal proprio Paese d’origine per via della guerra è stato di 65,6 milioni.

Ovviamente il conflitto in Siria è quello che ha provocato il maggior numero di sfollati negli ultimi anni. Più di 11,5 milioni di siriani hanno perso la propria casa, e la maggior parte di coloro che sono riusciti a uscire dal Paese vive ora negli Stati vicini di Turchia, Libano e Giordania.

Per il resto, circa un milione e mezzo di persone hanno chiesto asilo in Europa, e purtroppo più di 5.000 sono morte nel Mediterraneo, diventato la rotta migratoria più mortale al mondo.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.