Aleteia
venerdì 23 Ottobre |
San Cleopa
For Her

Perché una mamma che allatta dovrebbe dare fastidio? Eppure accade, a Parma

Shutterstock

Paola Belletti - Aleteia - pubblicato il 02/05/18

Tutti lodano i benefici dell'attaccamento al seno, ma la vista di una madre che pudicamente nutre il suo neonato procura fastidio in un ateneo pubblico

I fatti sono apparentemente minimi: una giovane mamma, infermiera, va in università, a Parma, per incontrarsi col compagno, medico e padre del bambino di due mesi e mezzo che porta con sè. Il bimbo protesta imperioso la sua fame, incurante di altro che non sia la fonte della sua soddisfazione, e la mamma obbedisce. Si apparta in un cortile interno, sotto i portici del chiostro universitario, zona d’Azeglio, si copre il seno con la sciarpa, lo porge al figlio il quale senza avere dubbi sul da farsi si nutre. Era la necessaria soddisfazione di un bisogno. Una cosa semplice, che succede da sempre. Di lì a poco irrompe in modo piuttosto brusco, riferiscono i protagonisti, una guardia giurata, una donna, che impone loro di allontanarsi. Non era il luogo adatto quello a pratiche come l’allattamento. Dovevano tenere conto che si trovavano in un ateneo e che la sensibilità degli studenti poteva essere turbata. E insiste parlando di gentilezza ma usando modi e toni alquanto sgradevoli fino a che la famiglia non se ne va. Con non poco turbamento, quello sì, oggettivo, del bambino e della mamma interrotti in un gesto di primaria importanza per il benessere di entrambi. Ora abbiamo la scienza a ricordarcelo a suon di benefici garantiti dall’allattamento esclusivo al seno ma basterebbe un esercizio di umanità primaria. Anche il caro vecchio buon senso. Dare il proprio latte al proprio figlio è una cosa molto buona, utile, benefica, (faticosa anche) e gratis.

Posto che può essere che la signora del servizio di sorveglianza sia stata troppo solerte interprete di sensibilità altrui, mi chiedo dove se la siano educata questa sensibilità i nostri giovani. E conviene anche chiedersi perché l’urto della sensibilità altrui è diventato un caposaldo della nuova morale. Un “mi dà fastidio”, controcanto del “mi piace” collettivo, diventa motivo sufficiente perché i garanti dell’ordine intervengano? E l’ordine da ripristinare sarebbe quindi assenza di fastidio?  E perché una mamma che allatta il proprio neonato (non un bambino di quattro anni che corre e schiamazza) dovrebbe dare fastidio? Forse alcuni sono sconvolti dai richiami selvatici e naturali alla vita nei suoi aspetti veramente “bio”?

Il caso è balzato agli onori delle cronache perché i genitori del bimbo non hanno taciuto, il papà, Simon Younes soprattutto. Che si inalbera ancora al pensiero, riferiva il Corriere il 29 aprile. Non hanno incassato e basta. Hanno scritto la loro bella missiva alla Gazzetta di Parma e da qualche giorno se ne sta parlando, sui media nazionali e sui social.


SERAH SMALL

Leggi anche:
Mamma allatta durante una partita: quanta (vera) libertà c’è nel ricominciare subito a lavorare?

La risposta dell’Ateneo per quanto premurosa e decisa (o piuttosto preoccupata) mostra lo stesso limite del divieto ad allattare. Dichiara consapevolezza e competenza (l’allattamento fa bene, incide sulla salute più di ogni altro fattore) e cala l’asso del progetto di uno spazio dedicato all’allattamento per studentesse, dipendenti, insegnanti, passanti, tutte. Ma se da un lato sono cose che sembrano pareggiare i conti con l’ingiustizia inflitta a mamma e bambino dall’altra appaiono fuori fuoco. Che bisogno c’è di appellarsi alla quasi divinità de “i diritti umani e sociali”? (che  a forza di nominarli tutti insieme, al plurale, nessuno ha più la ben che minima idea di quali possano essere, questi diritti. E viene il sospetto che sia una classifica sempre aperta, in continuo capriccioso, imponderabile, aggiornamento). Non è (solo) un diritto.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOMAN, NECKLACE, GOLD
Annalisa Teggi
Disoccupata con 4 figli paga il medico con un...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni