Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

7 modi in cui Giovanni Paolo II ha rivoluzionato il Rosario

POPE JOHN PAUL II,ROSARY
Alessia Giuliani | CPP
Condividi

Perfino Papa Francesco è diventato suo devoto su esempio del Papa polacco

Se non fosse stato per San Giovanni Paolo II, non avrei trascorso gli ultimi 17 anni recitando ogni giorno il Rosario insieme alla mia famiglia.

E non sono certo il solo. Come spiego nel mio ultimo libro, The Rosary of Saint John Paul II, molte persone possono dire la stessa cosa. Come è riuscito Giovanni Paolo II a fare questo?

1: San Giovanni Paolo ha reso il Rosario nuovo ed entusiasmante

Come dico ai miei studenti del Benedictine College del Kansas, Giovanni Paolo II era un genio a livello di strategia, e sapeva come fare cose grandi nella Chiesa. Non ha solo detto “Giovani, tornate alla Chiesa!” – ha creato le Giornate Mondiali della Gioventù. Non ha detto soltanto “Siate fedeli alla dottrina cattolica” – ha creato il Catechismo. Non si è limitato a invitare i cattolici a tornare a Gesù – ha istituito il Grande Giubileo dell’anno 2000.

Non ha neanche solo esortato la gente a recitare il Rosario – ha aggiunto cinque nuovi misteri per suscitare il nostro interesse e ha istituito un Anno del Rosario per assicurarsi che tutta la Chiesa vi aderisse.

2: Giovanni Paolo II ha collegato il Rosario alle grandi questioni che tutti avevano in mente

L’impegno della mia famiglia con il Rosario è iniziato nel 2001, quando sulla scia della tragedia dell’11 settembre Giovanni Paolo II ha esortato i cattolici a recitare il Rosario per la pace di fronte agli attacchi terroristici.

Si è poi approfondito quando l’anno dopo ha chiesto Rosari per un’altra istituzione che stava subendo duri attacchi: la famiglia.

La sua fede nel Rosario era contagiosa: “Guardo a voi tutti, fratelli e sorelle di ogni condizione… riprendete con fiducia tra le mani la corona del Rosario… Che questo mio appello non cada inascoltato!” (Rosarium Virginis Mariae, n. 43).

3: Ha reso il Rosario più semplice da recitare

Il mio libro sottolinea i consigli pratici offerti da San Giovanni Paolo II per recitare il Rosario.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni