Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

In un asilo di Roma saltano festa del papà e della mamma, per “non discriminare”. La violenza del non senso

Condividi

Ricorrenze secolari (in alcuni casi millenarie) che celebrano fondamenti antropologici universali cancellate da sbrigative circolari e giudizi sommari ad opera di minoranze aggressive con la connivenza di istituzioni e uffici pubblici

Questa vicenda, presente su diversi media, entra nella scia di quella di altri fatti e soprattutto con il loro racconto: la “registrazione alla nascita” di figli di due padri o di due madri.  E fa tornare alla mente altri conflitti consumatisi tra le mura di edifici scolastici e al centro di un’agguerrita opinione pubblica: il tempo di Natale è ormai lontano ma la memoria di quanto un presepe potesse risultare offensivo forse è ancora fresca. Il valore conteso è quello del rispetto per le diversità ma si vede come precipiti rapidamente nel suo opposto.

Leggi anche: No al presepe? Perché non bisogna averne paura

I fatti sono ricostruiti da chi è stato da subito interpellato perché quello che si presentava come un sopruso venisse denunciato e scongiurato: l’associazione Comitato articolo 26, una realtà di genitori, insegnanti, specialisti che promuove e difende il primato educativo dei genitori, sancito anche dalla dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, all’articolo numero 26, appunto.

Primi di marzo, siamo a Roma, presso l’asilo nido Chicco di Grando a Roma, nel quartiere Ardeatino. L’avviso che invita i papà a festeggiare con i propri figli la festa a loro dedicata è già stato affisso, scritto a mano, in diligente corsivo, incollato su cartoncino blu e corredato di disegni allusivi al tema: tazza di caffè, pane e marmellata, cucchiaino, latte.

AVVISO FESSTA PAPà
Comitato Articolo 26
Invito festa dei papà - Asilo Chicco di grano -Roma

Tanti papà si saranno a quel punto già accordati con i colleghi, attingendo ai permessi un’ora di lavoro da dedicare a questa ricorrenza tenera, goffa il giusto che li avrebbe visti costretti su seggioline colorate e basse. Ci è facile immaginarci l’emozione dei bimbi che sarebbero stati incaricati di servire il caffè, porgere biscotti e -inevitabilmente – cantare canzoncine di benvenuto. Il solito scenario, da decenni.

Ma tutto questo non ha avuto luogo. Quale sarà stata la reazione dei bambini e dei loro papà? E’ lecito ipotizzarla e in parte prenderne atto se sul sito dell’associazione viene notificato che chi ha voluto fare colazione coi propri figli è stato costretto a cercare un bar. Il paradosso è che l’obiettivo dichiarato dell’abolizione unilaterale della ricorrenza è quello della serenità e del benessere dei bambini, tutti quanti.

Non ha avuto luogo per le pare irresistibili proteste di due uomini, una coppia omosessuale, all’interno della quale uno e uno solo è il padre del bambino che frequenta il Chicco di grano. A loro veemente dire quella festa è superata, “celebrazione di stereotipi di genere ormai sorpassati” , per fare finalmente avanzare il progresso. (vedi replica a sospensione festa da art.26)

La coordinatrice didattica ha stabilito che, nonostante la comprensibile delusione di alcuni genitori (sapranno capire, a mente fredda, si augura nel comunicato), né la festa del papà, da poco passata, né l’imminente festa della mamma avranno più luogo. E ora che vi esporremo le sue ragioni non potrete a vostra volta che entusiasmarvi per il nuovo che avanza: si farà una giornata di attività e laboratori per le famiglie, perché possano conoscersi.

La cosa è avallata con entusiasmo in una comunicazione della Direzione Socio Educativa del Municipio Roma VIII.  Ovvero il soggetto istituzionale che ha il mandato di garantire il rispetto della legge in ambito scolastico e non di assecondare attese di minoranze fortemente ideologizzate a danno della stragrande maggioranza, anziché richiamare all’ordine tutti i contendenti, ratifica come cosa buona quella che è una vera prepotenza. Per non discriminare un bambino, o meglio gli adulti che se ne occupano, si mortifica un’intera piccola comunità di famiglie naturali, mamma, papà, figli.

Anche in quelle righe si legge la comprensione d’ufficio riservata ai genitori preoccupati (e perché mai?) ma si afferma che tutto è stato fatto bene, all’insegna del dialogo e dal punto di vista del benessere psicologico dei bambini perché non ci siano discriminazioni di sorta. Se facciamo mentalmente l’appello delle parole-chiave obbligatorie di questi tempi ci sono tutte o quasi.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.