Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un parroco assume due dipendenti per monitorare i bambini poveri del quartiere

SCHOOL CLASS
PHILIPPE DESMAZES I AFP
MichËle Picard (C), maire PCF de VÈnissieux, et Nadera Hamitouche (L), dÈlÈguÈe de parents-d'ÈlËves, enseignent ‡ des ÈlËves dont l'institutrice n'est pas remplacÈe depuis une semaine, le 15 fÈvrier 2011 dans une classe de maternelle du Groupe scolaire Jean Moulin ‡ Venissieux, pour dÈnoncer "les absences et les non-remplacements d'enseignants" qui sont "rÈcurrents" selon elle dans cette commune situÈe au sud de Lyon. AFP PHOTO/PHILIPPE DESMAZES / AFP PHOTO / PHILIPPE DESMAZES
Condividi

Accade a Novara con Don Carlo Bonasio, sacerdote del quartiere multietnico di Sant'Agabio

Famiglie povere e con bimbi piccoli: in loro soccorso arriva il parroco! Nel quartiere multietnico e più popoloso di Novara Don Carlo Bonasio, sacerdote di Sant’Agabio, ha deciso di assumere due persone: un’educatrice e un coordinatore di attività a favore dei bimbi di età compresa nella fascia 0-6 anni.

I loro stipendi saranno pagati dal progetto “Porte aperte” che ha come fulcro proprio il quartiere più popoloso e multietnico della città.

Il progetto

“Porte aperte” è formato da due “sotto-progetti”. “Cercasi neo-mamme” si preoccuperà di seguire le giovani madri e i loro bebè mentre “Genitori social” punta a creare un’associazione del per riunire le famiglie con bambini grazie all’aiuto di un’educatrice che proporrà occasioni di incontro e scambio. Inoltre il coordinatore seguirà i collegamenti tra persone e iniziative.

“Non siamo la banlieue

«L’isolamento è diventato un problema, le famiglie si ritrovano ad affrontare la vita quotidiana da sole – dice don Carlo Bonasio a La Stampa (25 aprile), che ha raccontato la sua storia – Il disagio limita le relazioni sociali e la capacità di accedere ai servizi che già esistono, i genitori spesso hanno bisogno di aiuto per gestire la casa e la famiglia». Ma il parroco avverte: «Non siamo la banlieue di Parigi, qui c’è una comunità anche se la povertà è tanta».

90 famiglie

Lo dimostrano i servizi offerta dalla parrocchia ai meno abbienti. Ogni mese, infatti, sono 90 le famiglie che si rivolgono al centro d’ascolto in parrocchia per avere cibo e vestiti della Mensa della fraternità, dell’Armadio disponibile e del Banco alimentare.

Ritardo nello sviluppo

Il Comune, tra i partner dell’iniziativa, evidenzia che le azioni del progetto si concretizzeranno  «con il coinvolgimento dei partners (tra cui Caritas e altre associazioni cattoliche ndr), in vari modi. Innanzitutto si prevede un’attività di prevenzione, con la valutazione su problemi di ritardo nello sviluppo non certificati e la conseguente offerta a genitori e insegnanti di strumenti necessari per mettere in atto un intervento precoce, con percorsi diagnostici con eventuale successiva presa in carico da parte dell’Asl No quando necessario».

https://www.youtube.com/watch?v=_XY3OCn7YQE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.