Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Tenere in vita Alfie Evans è accanimento terapeutico?

Padre Gabriele Brusco e Alfie Evans
Alfie's Army
Condividi

Chi vuole tenere in vita Alfie è oggi contestato da chi sostiene che sia inutile protrarne l’agonia. Ma la vita non è mai “inutile”. Vi spieghiamo perché 

Chi oggi si batte per non far morire Alfie Evans sostiene un inutile accanimento terapeutico? Hanno ragione coloro che ripetono: “lasciamolo stare quel bambino, tanto non ha senso tenerlo in vita”?

Aleteia ha chiesto di rispondere a questa domanda a Padre Maurizio Faggioni, autorevole bioeticista dell’Accademia Alfonsiana e membro del Comitato Etico dell’ospedale “Bambin Gesù”, la struttura ospedaliera di Roma che si era offerta di ospitare il piccolo Alfie.

“Non esistono terapie…”

Padre Faggioni premette: «Per le notizie che sappiamo, questo bambino ha una grave malattia degenerativa non diagnosticata con precisione e per la quale non esistono terapie. Ha problemi respiratori, cerebrali, i suoi organi vitali sono compromessi. Francamente non esistono, attualmente, terapie per garantirne la sopravvivenza. Alfie va verso la morte».

Leggi anche: FINE VITA. Accanimento terapeutico: che cos’è?

Corsa verso la morte

A Liverpool, la città dove è ricoverato, i pediatri dell’ospedale, supportati dalle decisioni dei giudici, «sostengono che la cosa migliore è non proseguire con i sostegni vitali. In questo modo – sottolinea Faggioni – determinano una morte naturale anticipata: accelerano questo processo, senza accompagnare Alfie verso il “trapasso”».

La dignità del “trapasso”

Accompagnare il bambino verso la morte, precisa il bioeticista, non significa «praticare terapie eroiche, ma monitorare i parametri vitali con terapie proporzionate al quadro clinico, utilizzando anche cure palliative che portino Alfie verso la morte naturale. In questo caso, quindi, non si può parlare di accanimento terapeutico!».

Leggi anche: L’alimentazione forzata può considerarsi accanimento terapeutico verso i malati terminali?

Un abisso culturale

Il problema del caso Alfie è culturale.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.