Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 09 Dicembre |
San Juan Diego Cuauhtlatoatzin
Aleteia logo
Cultura
separateurCreated with Sketch.

Altered Carbon, una serie interessante che affronta il “problema” dell’immortalità

ALTERED CARBON

Netflix

José Ángel Barrueco - pubblicato il 27/04/18

La serie di Netflix è una delle scommesse più intriganti dell'anno

Una delle proposte più interessanti di Netflixper quest’anno è Altered Carbon, una serie basata sulla triologia di romanzi futuristi scritta da Richard Morgan e che ha come protagonista Takeshi Kovacs.

Con molteplici connessioni con titoli emblematici del cinema come Matrix e soprattutto Blade Runner, che al tempo stesso imita e omaggia, Altered Carbon ci offre in dieci episodi una distopia in cui l’essere umano ha raggiunto una possibile immortalità, il che divide gli abitanti del pianeta tra quanti accettano questo nuovo modello di vita e di sopravvivenza e i cosiddetti neocattolici, che credono che la modifica sia una sfida a Dio perché esiste solo un’anima.

L’idea con cui riescono a durare per anni e anni è la “pila corticale”, una specie di memoria digitale in cui si dispiega “la mente umana pura, codificata e immagazzinata come D. U. (Digitalizzazione Umana)”. La coscienza delle persone può essere conservata in queste pile, che possono essere inserite in altri corpi, chiamati “guaine”, quando il corpo originale si deteriora, si ammala o muore.

In questo modo, un uomo come il protagonista trasformato in una specie di detective, Takeshi Kovacs (interpretato da Joel Kinnaman), può trascorrere centinaia di anni trasferendo la sua coscienza da un corpo all’altro, ovvero da una guaina all’altra.

Quando l’“immortalità” è opera dell’uomo… è un incubo

Questo, che è senza dubbio l’elemento più interessante della serie, comporta un’infinità di problemi, non solo di indole religiosa e morale, ma anche psicologica: quando le pile vengono inserite nelle nuche di altre guaine, le persone si vedono dentro corpi che non sono i loro, affrontando allo specchio volti che non hanno mai visto.

È il caso di un’anziana latina la cui famiglia è neocattolica e che viene inserita nel corpo di un uomo bianco con l’aspetto da criminale, o quello di una madre di colore che torna nella guaina di un uomo bianco e più giovane, il che fa sì che le prime reazioni di suo marito siano incredulità e rifiuto.

Neanche il trasferimento in altri corpi, comunque, assicura totalmente l’immortalità: se la pila viene distrutta, tutto muore.

Il capitalismo di questo mondo del futuro continua a imperversare: i milionari possono pagarsi guaine sane e giovani per ostentare sempre un aspetto salutare, mentre i poveri, quando il loro corpo si ammala o muore, vengono trasferiti in corpi che nessuno vuole o che avanzano, o che non hanno nulla a che vedere con ciò che erano (per questo una nonna latina di famiglia modesta viene reinserita nel corpo di un criminale bianco).

Con questo panorama, e in una città in cui i veicoli posono volare e piove spesso e in cui le persone possono essere torturate continuamente nella realtà virtuale fino a diventare pazze, Kovacs, di origine orientale, viene inserito 250 anni dopo nella guaina di un tipo caucasico per cercare di scoprire chi ha assassinato Laurens Bancroft.

La serie, pur se di taglio futurista, ha stretti legami col cinema noir: si vedano i titoli degli episodi, basati sui film del genere (“Ritorno al passato”, “In un luogo solitario”, “Falso colpevole”, “Il cane rabbioso”, “The Killers”…). Altered Carbon risulta affascinante grazie alla sceneggiatura, ma anche grazie alla direzione delle scene di suspance e violenza e a tutte le sue variazioni sul cyberpunk. Non è certo una serie adatta ai minori.

Scheda Tecnica

Titolo originale: Altered Carbon

Paese: Stati Uniti

Regia: Laeta Kalogridis, Uta Briesewitz, Alex Graves, Miguel Sapochnik, Nick Hurran, Peter Hoar, Andy Goddard

Sceneggiatura: Vari (sulla base delle opere di Richard Morgan)

Musica: Jeff Russo

Genere: Serie televisiva / Fantascienza / Thriller / Dramma

Durata: 10 episodi di circa 60 minuti l’uno.

Cast: Joel Kinnaman, Martha Higareda, James Purefoy, Katie Stuart, Dichen Lachman, Lisa Chandler, Renee Goldsberry, Chris Conner, Leonardo Nam, Ato Essandoh, Nicole Anthony, Marlene Forte, Kristin Lehman, Stephanie Cleough, Trieu Tran, Hiro Kanagawa, Anna Van Hooft.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
immortalitànetflixserie tvtransumanesimo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni