Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Hans Asperger partecipò con i nazisti all’eutanasia infantile

HANS ASPERGER
Courtesy of Maria Asperger Felder
Condividi

La rivelazione ha fatto mettere in discussione il nome della “sindrome di Asperger”

Czech ha scoperto che Asperger non si è mai unito al Partito Nazista in modo ufficiale ma faceva parte di numerose organizzazioni affiliate ai nazisti, e che gli vennero offerte varie opportunità di lavoro come ricompensa per la sua lealtà. La prova più evidente deriva dalle sue annotazioni sulla tristemente famosa clinica Am Spiegelgrund, in cui molti bambini disabili vennero sottoposti a esperimenti e uccisi. Live Science riferisce che Czech ha descritto in questo modo le atrocità:

Nel 1941 Asperger si riferì al “caso senza speranza” di Herta Schreiber, di 3 anni, e di Elisabeth Schreiber, di 5 (che apparentemente non aveva un rapporto con Herta) ad Am Spiegelgrund, mostrando i registri. Entrambe le bambine erano affette da disabilità mentali e morirono di polmonite poco tempo dopo essere arrivate alla clinica. In particolare, a Herta Schreiber vennero probabilmente somministrati dei barbiturici che finirono per provocarne la morte, ha scoperto Czech.

Non è chiaro se Asperger o le madri delle bambine sapessero cosa le attendeva. “Tutto ciò di cui disponiamo è la breve nota di Asperger su Herta, in cui chiede la sua ‘collocazione permanente’ a Spiegelgrund – che fosse o meno un eufemismo per dire omicidio, è chiaro che non si aspettava che Herta tornasse”, ha scritto Czech nello studio.

Czech ha anche scoperto che Asperger faceva parte di un comitato che analizzò circa 200 casi di bambini internati in un ospedale psichiatrico. Il rapporto definiva 35 bambini “ineducabili” e “inutilizzabili”, parole che si ritiene li condannassero alla morte. Non sappiamo cosa sia accaduto a quei piccoli, ma si pensa che quella diagnosi infausta abbia portato alla loro morte.

Non è chiaro quali azioni intraprenderà la comunità medica alla luce di queste nuove prove. Czech suggerisce che se la reputazione di Asperger è stata rovinata, la sua ricerca è comunque ancora valida, e sostiene che più che epurare la storia da quest’uomo “dovrebbe essere considerata un’oppprtunità per promuovere la consapevolezza”.

Edith Sheffer, senior fellow presso l’Istituto di Studi Europei dell’Università della California di Berkeley, che sta per pubblicare un nuovo libro, Asperger’s Children: The Origins of Autism in Nazi Vienna (I Bambini di Asperger: Le Origini dell’Autismo nella Vienna Nazista), crede invece che permettere alla sindrome di Asperger di continuare ad essere chiamata così è per quest’uomo un onore immeritato:

“Alla luce di questa ricerca, non dovremmo più usare la definizione ‘sindrome di Asperger’”, ha detto la Sheffer a Live Science in un’e-mail. “In medicina, le diagnosi che prendono il nome da una persona vogliono riconoscere l’importanza degli individui che hanno definito per primi una condizione e onorarne la vita. A mio avviso, Asperger non soddisfa alcuno dei due criteri”.

Negli ultimi anni la definizione “sindrome di Asperger” ha perso popolarità, perché gli psichiatri ritengono che sia una manifestazione di quello che ora viene chiamato “disordine dello spettro autistico” e che bisognerebbe usare questa terminologia. Il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disordini Mentali, il libro-guida per le diagnosi, ha rimosso la definizione dalla sua edizione del 2013.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.