Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Gli obiettivi dell’Earth Day per il 2030

MAN HOLDING EARTH
SHUTTERSTOCK
Condividi
Si conclude oggi l’esperienza del Villaggio della Terra fortemente voluto e animato da Earth Day Italia e dal Movimento dei Focolari. Una esperienza di condivisione e di sensibilizzazione sui temi dell’ambiente e dell’ecologia che sono solo l’altra faccia della lotta alla povertà, alla fame e all’analfabetismo. Questi temi sono stati individuati e una campagna ambiziosa è stata lanciata proprio per affrontarli tutti con Obiettivo 2030 promosso da Earth Day e dalla Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS).

Ecologia è sviluppo

Secondo Pierluigi Sassi, presidente di Earth Day Italia, abbiamo delle eccellenze: “siamo il paese che ricicla di più in Europa, che ha superato con largo anticipo gli obiettivi 2020 sulle rinnovabili ma siamo anche un paese che a livello di occupazione e povertà è tornato al 1990. Con 30 anni di ritardo, dunque, stiamo affrontando problemi sociali gravissimi” (AdnKronos).

Il progetto è stato presentato al Villaggio per la Terra di Roma dove il presidente del Garbage Patch State, Maria Cristina Finucci, ha firmato simbolicamente la sottoscrizione dell’Agenda Onu 2030 da parte dell’immaginario “Stato di plastica”, da lei fondato, composto da tutti i frammenti di plastica presenti nei mari e la cui estensione supera i 16 milioni di chilometri quadrati.

Il mondo cattolico non sta a guardare

Caritas Internationalis, le principali banche cattoliche tedesche, diverse diocesi ed altre istituzioni cattoliche da tutto il mondo, tra cui il Movimento dei Focolari Italia, hanno inoltre annunciato il proprio “disinvestimento dai combustibili fossili” per offrire agli investitori istituzionali cattolici “opzioni responsabili per affrontare la crisi climatica”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni