Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come mantenere la pace quando cerchi di guidare altre persone

Father Son
By Adam Gregor | Shutterstock
Condividi

Il muro della mia incapacità mi blocca. Ripongo la forza nelle mie azioni

Papa Francesco ha affermato che quando il cardinal Van Thuan era in carcere ha rinunciato a esaurirsi aspettando la liberazione, scegliendo di vivere il momento presente colmandolo di amore. Come? “Approfittando delle occasioni che si presentano ogni giorno per compiere azioni ordinarie in modo straordinario”, come disse il presule.

Vorrei saper distinguere tra le opere di Dio e Dio stesso, ma non è sempre facile.

Sono diventato pastore per stare con Lui, per essere il buon pastore alla maniera di Gesù, ma do più importanza alle pecore che a Lui. Forse perché le vedo disorientate.

Arrivo a pensare che grazie a me si salvino. Non grazie a Lui. E credo di essere io con le mie opere a cambiare il mondo, a riempirlo d’amore, a renderlo migliore. Mi vedo potente. Forte. Invincibile.

Mi succede quello che accadeva a Sant’Ignazio: “Finché continuerà a pretendere che raggiungere Dio dipenda dai propri sforzi continuerà a schiacciarsi contro il muro della sua incapacità” [2].

Il muro della mia incapacità mi blocca. Ripongo le forze nelle mie azioni, come se queste mi salvassero. Come se quelle opere senza di me fossero niente.

Tremo. Il potere dei risultati, dei miracoli che osservo e mi attribuisco. Il potere della mia mano e della mia parola. La genialità delle mie opere.

Cosa seguono i miei passi? Gesù senza opere. Seguo Gesù che non fa nulla. Che semplicemente mi ama e muore in silenzio. E la sua grande opera è il suo amore senza misura.

La sua misericordia mi supera, mi trascende. Non sono le sue opere. Solo tre anni di opere. Non sono nemmeno le mie opere a vincere il mondo. Non è l’opera di un uomo. Di un fondatore. Di un santo. Di un Papa.

Le sue opere sono importanti, ma non tanto. Ciò che conta è l’azione di Dio in loro. Quello che gli uomini non vedono. Quello che non vende. Quello che non convince perché resta vivo nel nascondimento.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni