Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

7 segni del fatto che stai crescendo bene i tuoi figli

PARENTING
Monkey business images - Shutterstock
Condividi

“Educare non è dare una carriera per vivere, ma temprare l’anima per le difficoltà della vita” – Pitagora

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Al giorno d’oggi non possiamo dire che nessuno ci abbia insegnato ad essere genitori, perché abbiamo a disposizione un enorme ventaglio di strumenti e possibilità che rendono quest’opera più semplice e accessibile.

Anche se ogni individuo è unico e ha necessità molto specifiche, nelle questioni fondamentali dell’educazione potremmo dire che sia universale.

La magia sta nel saper educare – “educere” -, ovvero tirar fuori il meglio da ciascuno dei nostri figli.

Formarli, forgiarli e guidarli è un’avventura meravigliosa che non affrontiamo da soli.

Ma come sapere se li stiamo crescendo bene?

Ci sono genitori – a mio avviso la grande maggioranza – che hanno svolto un lavoro fantastico.

Esistono 7 segnali caratteristici di bambini cresciuti bene da questi genitori, che lo psicologo clinico e scrittore Nadene van der Linden ha osservato nei suoi anni di pratica.

Quali sono? Scorrete lo slideshow.

 

Ecco il rovescio della medaglia. Enuncerò i segni del fatto che come genitori avete un’area di opportunità considerevole non perché vi giudichiate, ma perché osserviate e mettiate in atto i cambiamenti necessari.

Se i vostri figli non aiutano in casa; se fanno spesso capricci dentro e fuori casa di modo che tutti si voltino a guardare; se vi chiedono di dar loro retta; se vogliono sempre di più e vivono insoddisfatti e lamentandosi in continuazione; se vi ignorano e non prestano attenzione alle regole di base della convivenza e del comportamento; se tendono a controllare e amano manipolare gli adulti; se fanno ricatti…

La lista potrebbe andare avanti, ma non serve a farvi gettare la spugna o a farvi sentire genitori falliti. Serve solo a farvi vedere che ci sono ancora molte cose positive che potete fare, e che forse sarebbe bene cercare un sostegno esterno da parte di esperti in materia.

Ricordate che siete voi i genitori, e che se vi sono stati affidati dei figli è perché potete affrontare questa grande responsabilità. È questione di volontà, di voler far bene, e per questo potete formarvi in ciò che è necessario. Come ho detto in precedenza, si tratta di rafforzare le aree di opportunità, e questo non è impossibile.

Amare è educare, ed educare è amare. L’educazione è un azione, un processo dinamico che nasce con l’uomo e muore con lui. I vostri figli hanno i migliori insegnanti – maestri ed educatori che chiamano papà e mamma.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni