Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il NHS è come un idolo al quale si offrono sacrifici? Alfie, un popolo prega per te il vero Dio

ALFIE EVANS
Condividi

Come dice il salmo, Dio non gradisce sacrifici né vittime ma apprezza un cuore affranto e umiliato. Ci sentiamo così, di fronte a questa ingiustizia

Credo che molti di noi abbiano fatto praticamente tutto quello che era in loro potere di fare per Alfie. Qualcuno, come Benedetta Frigerio, ha fatto anche oltre il possibile (credo che non ami diffondere i particolari, però di certo si può dire che non si è limitata a fare la giornalista, a coprire l’evento). Oltre a chi come lei ha preso aerei e perso pasti c’è chi ha scritto, tradotto, raccolto firme, pregato, digiunato, vegliato, organizzato cose, chi si è occupato della difesa legale chi della copertura giornalistica. In questo esatto momento non sappiamo come finirà, la spina potrebbe essere staccata già lunedì ma ancora si continua a provarle tutte, in tutte le direzioni, sperando in una via di uscita che ora sembra impossibile, o magari in un miracolo.

Tra di noi continuiamo a parlarci addosso, a chiederci come sia possibile che possa succedere questo, che cioè un bambino venga sottratto alle decisioni e alla tutela dei suoi genitori non perché abbiano commesso qualche gravissima colpa o perché siano stati inadempienti nei suoi confronti, ma al contrario perché non si arrendono a che l’assistenza vitale sia sospesa. Continuiamo a dircelo, a scriverlo sui giornali, a parlarne in tv, ma ci sfuggono alcuni elementi per giudicare. Come mi spiegava un amico che vive lì, per gli inglesi il National Health Service è una specie di divinità, un’autorità assoluta, qualcosa a cui tengono moltissimo, e di cui l’Inghilterra va giustamente fiera, perché il livello di competenza è molto alto, tra i migliori al mondo. Però per il paese il rispetto per il NHS va oltre. È praticamente diventata l’unica autorità intoccabile, da quando la gente ha completamente perso la fede, e la monarchia ha subito durissimi colpi di immagine. Insomma, un dio bisognava pur trovarlo. (Come dice Chesterton, quando si smette di credere in Dio, si crede a tutto).

Fatto sta che i medici inglesi hanno l’autorità suprema sui pazienti, tanto che, per dare un’idea, le analisi che ti prescrive uno specialista, le riceve e le conserva lui, non tu. Vanno nella tua cartella, che è di proprietà dell’NHS, non tua. Tu non le porti a casa. Tutto questo è fatto in funzione del miglior risultato per il paziente, non certo per ordire complotti ai suoi danni, ma per curarlo nel modo più razionale e preciso possibile. Il sistema però per reggersi presume una fiducia totale e cieca della popolazione nei suoi medici.

Ora, ammettere che una decisione dei medici dell’Alder Hey su un piccolo degente possa essere così grossolanamente sbagliata, sarebbe un danno di immagine memorabile. Un epic fail. Ammettere che c’è un altro ospedale che possa, non dico guarire, ma offrire un tempo di vita dignitoso a questo bambino, e che addirittura questo ospedale sia italiano, è qualcosa di inammissibile. È inutile che noi insistiamo con ragionamenti sul valore della vita e sulla relazione del bambino coi genitori e via dicendo. L’NHS deve essere infallibile, o il sistema perde il suo fondamento. Non può succedere niente che contraddica l’assunto: per Alfie è meglio morire prima possibile, Alfie dovrà essere sacrificato su questo altare, a meno di un miracolo.

Eppure. Eppure i miracoli avvengono, e noi continuiamo a chiedere. Perché quando avvengono, è sempre così, nella debolezza di tutti i mezzi umani. Quindi noi continuiamo a chiedere.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.