Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Casimiro
home iconCultura
line break icon

La morte di Avicii e la sua canzone Wake Me Up. 28 anni che ci lasciano una lezione di vita

DJ AVICII

The Perfect World Foundation I CC BY 3.0

Le DJ Avicii, de son vrai nom Tim Bergling, est décédé le 20 avril 2018 à l'âge de 28 ans.

Catholic Link - pubblicato il 23/04/18

di Silvana Ramos

Tim Bergling, uno dei DJ più rappresentativi del momento, è morto. Ad appena 28 anni, un grande giovane talento ha smesso di esistere. Vi chiederete perché scrivo di lui.

Appartengo alla generazione del grunge. Il rock alternativo degli anni Novanta ha conquistato lo spirito della mia giovinezza. La crudezza e a volte l’introspezione dei testi che parlavano di angoscia, preoccupazione e desiderio di libertà e denunciavano l’alienazione del pensiero mi hanno portato a mettere in discussione varie cose importanti nella vita. I suoi ritmi forti che contrastavano con melodie dolci facevano sì che venissero a galla l’ira e allo stesso tempo la tristezza per chi soffre. I suoi testi e la ribellione che comunicavano mi spingevano a fare qualcosa che avesse un significato… qualcosa che grazie a Dio mi ha portato fin qui.

Anche Avicii aveva questa particolarità. I testi delle sue composizioni comunicavano una ricerca incessante di trascendenza e significato. Aveva raggiunto la fama molto giovane e forse è stato il prodotto della sua passione, delle sue ricerche senza risposta e della sua immaturità, che lo hanno portato agli eccessi, chissà… Ciò che è certo è che a 26 anni ha deciso di ritirarsi (26 anni!). Era esausto e la sua salute era fragile. Ha avuto una pancreatite per l’eccessivo consumo di alcool. Il fatto è che un mondo come quello della musica e delle stelle del rock, in cui sembra che tutto sia possibile, va stretto al momento di saziare la fame di infinito dell’essere umano.

  • 1
  • 2
Tags:
cantantecanzonemorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni