Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ecco perché Satana combatte Pietro e i suoi successori

Condividi
Secondo padre Gabriele Amorth il diavolo vede nel Sommo Pontefice il suo nemico principale. «Satana attacca sopratutto il Papa. Il suo odio per il Successore di Pietro è feroce». Questa affermazione non è priva di fondamento biblico: si compiono, nei successori di Pietro, le parole che Gesù rivolse all’apostolo durante la sua Ultima Cena:

«Simone, Simone, ecco satana vi ha cercato per vagliarvi come il grano; ma io ho pregato per te, che non venga meno la tua fede; e tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli» (Lc 22,31-32).

Satana attacca Pietro per metterlo alla prova e testare la sua fede. Fu proprio a Pietro, scandalizzato dall’annuncio della Passione, che Gesù rivolse quelle terribili parole: «Vade retro me, Satana»! «Va’ dietro a me, Satana, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini» (Mc 8,33). In questa battaglia tra Pietro e Satana, Gesù non assicura solo la sua preghiera ma offre la certezza della vittoria finale: «Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa» (Mt 16,18). Con l’assistenza dello Spirito Santo gli apostoli cacceranno i demoni nel nome di Gesù Cristo; Pietro affronterà inoltre la magia e la superstizione come nell’episodio in cui si trova a redarguire duramente il mago Simone (cfr. At. 8, 9-24). Forte di questa esperienza, nella sua Prima Lettera, Pietro esorta i fedeli a vigilare e a resistere all’insidia del diavolo: «Siate temperanti, vigilate. Il vostro nemico, il diavolo, come leone ruggente va in giro, cercando chi divorare. Resistetegli saldi nella fede» (1Pt 5, 8-9a).

Se il diavolo si infuria in modo particolare contro Pietro è perché sa che a lui sono state affidate «le chiavi del Regno» assieme al potere straordinario di «sciogliere e legare» (cfr. Mt. 16,19). La promessa fatta a Pietro va al di là della sua missione personale, è un dono fatto alla ekklesia estesa nel tempo e nello spazio. Si tratta della facoltà di perdonare i peccati, una concessione che infligge un durissimo colpo a Satana e che impedisce a «le porte della morte» di prevalere (cfr. Mt. 16,18):

«Veramente la promessa fatta a Pietro è più estesa di quelle fatte ai profeti dell’antica alleanza: contro di essi c’erano solo le forze della carne e del sangue, contro Pietro ci sono le porte degli inferi, le forze distruttive degli abissi. Geremia riceve solamente una promessa personale in vista del suo Ministero profetico; Pietro ottiene una promessa per l’assemblea del nuovo popolo di Dio che si estende a tutti i tempi; una promessa che va oltre il tempo della sua esistenza personale. […] La roccia non sarà sopraffatta, poiché Dio non abbandonerà la sua Ecclesia alle forze della distruzione» (J. Ratzinger, La Chiesa. Una comunità sempre in cammino, San Paolo 2008, pp- 53-54).

Si può dire dunque che i pochi episodi di cui siamo a conoscenza – che riguardano i papi Giovanni Paolo II e Benedetto XVI – sono solo alcuni momenti di una millenaria battaglia che satana combatte contro la Chiesa di Gesù Cristo attaccando la persona del suo Vicario. Non è un dettaglio privo di significato che i Pontefici abbiano più volte denunciato apertamente Satana e il suo operato. Come afferma padre Amorth: «Chi denuncia Satana deve attendersi una reazione feroce. Lo sanno gli esorcisti. Lo sanno i Pontefici» (L’ultimo esorcista, p. 193). Ogni Pontefice combatte una battaglia personale contro il demonio. Afferma ancora l’esorcista paolino:

«Siamo alla battaglia finale contro il demonio. Leone XIII l’aveva capito bene. Dopo di lui tutti i Papi hanno combattuto la loro personale battaglia contro Satana. Tutti fino a Benedetto XVI, talmente odiato da Satana da essere ritenuto dal demonio “peggio” di Giovanni Paolo II».

Non è un caso che anche papa Francesco, fin dai primi giorni del suo Pontificato abbia più volte parlato del demonio, invitando i fedeli a vigilare e a combattere contro le sue insidie. Francesco ne ha parlato diverse volte, più dei suoi predecessori! L’ultimo intervento in ordine temporale, è stato a Pietrelcina durante il suo viaggio apostolico sulle orme di Padre Pio (un altro santo temutissimo dal demonio durante gli esorcisti): parlando a braccio, Francesco a chiesto ai fedeli «Ma voi credete che il demonio esiste?… Non siete tanto convinti? […] Esiste o non esiste il demonio?».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.