Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Possibile che il sovrappeso sia così di ostacolo al concepimento di un bambino?

WOMAN;BEAUTY;CURVY;
Condividi

Dalla risposta della Dottoressa Alessandra Grazziottin ad una donna che non riesce a restare incinta l’occasione per riflettere su un aspetto decisivo dell’amore ai figli: la responsabilità nella cura di sè stesse

altera le funzioni della placenta, la grande nutrice del bambino: le alterazioni metaboliche possono causare un aumento eccessivo del peso del piccolo (“macrosomia fetale”), o, all’opposto, un “invecchiamento” anticipato della placenta, se prevalgono i fattori vascolari con ipertensione, con il paradosso di una mamma che aumenta per esempio di 30 chili e un piccolo che nasce prematuro e sottopeso (“piccolo per la data”);

aumenta i rischi del parto con aumento di quelli patologici (distocici) con lesioni respiratorie cerebrali (per asfissia durante il travaglio e il parto), o meccaniche (frattura della clavicola o paralisi del plesso brachiale) per estrarre un bimbo che letteralmente non riesce a passare per il canale da parto. Anche il taglio cesareo presenta molti più rischi rispetto alle donne normopeso.

-le alterazioni coagulative e l’inattività-fisica aumentano il rischio trombotico in gravidanza e dopo il parto;

– carica il piccolo di un’eredità patologica che condizionerà la salute futura: nei figli di madri obese, aumentano i danni neurologici, l’obesità fin dall’infanzia, le malattie cardiovascolari, la sindrome metabolica, il diabete e perfino il rischio di tumori, di cui l’obesità è causa potente e trascurata. (cfr BenEssere, maggio 2018)

Per quanto il tema del peso corporeo e della propria armonia fisica sia particolarmente critico per molte donne, forse osservarlo da questo punto di vista, ovvero quello più oggettivo possibile della salute propria e di quella dei propri figli potrebbe aiutare ad affrontarlo con rinnovato slancio e più decisa determinazione, senza connotazioni psicologiche eccessive. Essere sovrappeso non dice nulla del valore della persona ma se è dovuto a trascuratezza colpevole o ad un’arrendevolezza che lasciamo essere definitiva allora diventa complice dei gravi rischi ai quali esponiamo noi stesse e i nostri figli. In alcuni casi il rischio può diventare così estremo da impedire addirittura che questi figli vengano concepiti!

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni