Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Possibile che il sovrappeso sia così di ostacolo al concepimento di un bambino?

WOMAN;BEAUTY;CURVY;
Condividi

Dalla risposta della Dottoressa Alessandra Grazziottin ad una donna che non riesce a restare incinta l'occasione per riflettere su un aspetto decisivo dell'amore ai figli: la responsabilità nella cura di sè stesse

Ci è arrivato in redazione il nuovo numero di BenEssere, la salute con l’anima disponibile in edicola da ieri, tra i diversi contributi tutti proposti con competenza ed equilibrio, ho letto con particolare interesse la risposta ad una domanda che può sorgere in tante donne, dolorosamente colpite nel loro desiderio di diventare madri.

Ho 39 anni e finalmente posso avere una famiglia. Purtroppo, da un anno cerchiamo
di avere un bambino senza riuscirci. Le mestruazioni arrivano sempre in ritardo.
Il ginecologo mi ha detto che è colpa del peso (83 chili per 1,60 m) e che devo
assolutamente dimagrire. Io non ce la faccio, sono sempre stata così e intanto il
tempo passa. Siamo andati in un centro per la procreazione assistita e mi hanno
ripetuto la stessa solfa. Possibile che con tutti i progressi della medicina il peso sia
davvero un problema? Non ci credo. Magari i fattori sono altri e non li vedono…

Purtroppo dobbiamo subito constatare come la percezione delle possibilità  biotecnologiche abbia ormai pervaso l’immaginario di tanti e condizionato con esso il senso del possibile. Il problema della liceità, la domanda morale, purtroppo, almeno qua, non compare. Sappiamo invece quanto porsela, magari non solo a ridosso di un’auspicata maternità, ma sempre, nella formazione della propria coscienza sarebbe decisamente salutare: per la nostra anima (la cui salute attuale e soprattutto eterna è il solo obiettivo che fallire sarebbe davvero un disastro) e per la nostra persona nella sua unità  psico-fisica e spirituale.

No, con la tecnica intanto non si può tutto e non è probabilmente solo una questione di dare tempo al progresso. Vi rimandiamo ai dati del ministero della salute (e anche questo è una conferma: il sacrificio di tanti embrioni e lo stress fisico e psicologico al quale le donne sono sottoposte con le tecniche di PMA – procreazione medicalmente assistita- rientrano oramai ufficialmente nella categoria Salute): un dato su tutti, nel 2013 il Ministero ha registrato su 55.050 cicli iniziati con tecniche di II e III livello 8.677 nati vivi. 

Un fattore che più di altri incide sulla percentuale di successo di queste tecniche riguarda l’età della coppia, soprattutto della donna. Non scopriamo nulla di nuovo ma dobbiamo sempre più farci i conti. L’età fertile non si estende a dismisura come un piano di connessione wi-fi. Né può essere forzata oltre un certo limite. Anzi, pare che resti rigidamente, caparbiamente identica a sè stessa: gli anni migliori per concepire e partorire figli sono e restano tra i 18 e i 28 anni. Resta buona fino ai 35 poi precipita. Aumenta invece l’età nella quale si arriva a sentirsi pronti. Studi, ricerca di un lavoro, stabilità affettiva. Sono tutte tappe che tendono ad arrivare tardi anche per una oggettiva, potremmo dire, “ostilità ambientale”. E forse per questo il falso incoraggiamento che viene dalle tecniche fa pensare di poter far prevalere il proprio desiderio una volta che la paura e l’incertezza saranno state vinte.

Un altro fattore di rischio elevatissimo, ricorda la dottoressa Grazziottin, troppo spesso sottostimato dalle coppie è proprio il sovrappeso. La lettrice che rivolge la domanda denuncia da un lato una resa rispetto al suo dato ponderale (sono sempre stata così, scrive. E chissà quanta fatica o vissuti dolorosi possono stare nascosti in un vissuto di obesità) e dall’altro la pretesa che sia proprio le tecniche a nostra disposizione a rendere questo fattore ininfluente.

Vediamo quali sono le tante e gravi alterazioni che il sovrappeso severo e l’obesità comportano:

altera o impedisce l’ovulazione. Le pazienti sovrappeso od obese soffrono più frequentemente di sindrome della policistosi ovarica (Pcos), con anovulatorietà e aumento patologico di ormoni maschili

altera o impedisce l’annidamento dell’uovo fecondato. Provoca un significativo aumento degli aborti spontanei: le cellule adipose producono milioni di molecole infiammatorie (un vero “incendio biochimico”), oltre che di ormoni nemici della fertilità e della salute;

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni