Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 09 Dicembre |
San Juan Diego Cuauhtlatoatzin
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

«State introducendo un’eutanasia ipocrita». Il duro “J’Accuse” dei 70 medici che difendono Vincent Lambert

web3-patient-doctor-medicine-help-terminal-illness-shutterstock_141478540-racorn-ai

Racorn / Shutterstock

Giovanni Marcotullio - pubblicato il 20/04/18

«Non è il dovere e l’onore di una società umana, quello di prendersi cura dei più vulnerabili tra i suoi?» Così si conclude il vibrante appello dei professionisti della sanità che richiamano la Francia tutta, impegnata negli Stati Generali della Bioetica, ad aprire gli occhi sull'ingiustizia che viene perpetrata ai danni di un uomo sano, innocente e inerme.

Aggiornamento delle 19:15: alle 18:30 di oggi, venerdì 20 aprile 2018, la Corte del tribunale amministrativo di Châlons en Champagne ha pronunciato in sentenza di aver accolto l’istanza di ricorso presentata dai legali dei genitori di Vincent Lambert. La rimozione dell’idratazione è stata sospesa dalla sentenza, e da oggi è stato concesso un mese di tempo per una valutazione clinica svolta da un team di tre medici. [script_connatix_id_article cnx-video=”505906″ token=”80b71ee4-d96a-4bbc-ad3f-c4253690335b” /] [protected-iframe id=”9c7fe1ff1f54adac289882d7e2f8bf93-95521288-119679776″ info=”//embedftv-a.akamaihd.net/6a28d89009307e9528ad29a4ecf54e38″ width=”560″ height=”315″ frameborder=”0″ scrolling=”no”] Desta stupore che frattanto, in attesa della sentenza, France 3 abbia pubblicato un’intervista a Jacques Gaillot, mendacemente definito “Vescovo di Partenia” dai colleghi d’Oltralpe. Naturalmente il Monsignore definisce «non-vita» la «sopravvivenza del signor Vincent Lambert» e parla in tal senso di un «accanimento terapeutico che dura da dieci anni». Evidentemente il Monsignore non ha ascoltato RCF, l’altra sera, mentre dall’Università Cattolica di Lione trasmettevano uno stupendo colloquio sugli Stati Generali della Bioetica: il prelato avrebbe potuto imparare moltissimo dal suo confratello, l’Arcivescovo di Rennes Pierre D’Ornellas. Ad ogni buon conto, Jacques Gaillot fu “sollevato” dalla pastoralis sarcina da san Giovanni Paolo II (e non per niente, come è facile indovinare). Gli avvocati dell’accusa invece non hanno convinto la Corte a respingere il ricorso della difesa: Vincent Lambert può vivere. E ora si attenderà l’expertise medicale.

Anch’io sono rimasto molto stupito dell’assordante silenzio mediatico attorno alla vicenda umana e giuridica di Vincent Lambert, il cui tempismo invece appare in queste settimane a dir poco sospetto: ogni sette anni, per legge, in Francia vengono convocati gli “Stati Generali della bioetica”, per riconsiderare gli aspetti dell’ordinamento vigente che interessano inizio e fine-vita alla luce dei progressi medici e tecnici. Essi sono stati appunto convocati in questa primavera, e le solite lobbies si sono vastamente adoperate per cercare di forzare le marce della politica imponendole la nota agenda radicale: meno soldi per le cure, agevolazioni per lo smaltimento dei membri improduttivi della società. Del resto questa è la filosofia di Jacques Attali, maître à penser del bellissimo, giovanissimo e bravissimo Président, che un giorno parla coi Vescovi come uno di loro e il giorno dopo fa bombardare la Siria.


FRENCH ASSEMBLY

Leggi anche:
Al via in Francia gli “Stati Generali della Bioetica”. Cosa aspettarsi

Ieri si è svolta nel tribunale amministrativo di Châlons en Champagne l’udienza del ricorso dei genitori di Lambert contro la decisione del dottor Vincent Sanchez, che il 9 aprile avrebbe “collegialmente” stabilito di sospendere l’idratazione e l’alimentazione del 42enne disabile (il quale starebbe anche riappropriandosi di alcune funzioni motorie e fonatorie, da quanta voglia ha di morire). A favore della decisione medica – da ben 10 anni prima che questa si esprimesse! – la moglie Rachel. Inopinatamente.




Leggi anche:
Che sarà di Vincent Lambert? La moglie lo vuole morto, i genitori sono abbandonati dallo Stato, 70 medici lo difendono. Oggi la sentenza

E dicevamo che gli Stati Generali sono in corso: per la precisione, era previsto che per la fine del mese corrente giungessero in fase finale con le valutazioni sulle proposte di legge per l’eutanasia. Ecco perché il tempismo dell’operazione fame sembra fin troppo sospetto: fino ad oggi nessuno ha dato visibilità a Lambert e la notizia viene tenuta bassa dai media, ma se Vincent potesse morire di fame e di sete proprio mentre il Paese discute di una legge sull’eutanasia l’effetto politico sarebbe deflagrante, i riflettori mediatici si accenderebbero abbacinanti sulla triste vicenda e partirebbe allora il lavaggio del cervello collettivo mirante a chiedere al “Senatus PopulusQue Gallorum” di sopprimere il povero Vincent. Per pietà.




Leggi anche:
«Presidente Macron, non lasci ammazzare mio figlio!» – La straziante lettera della madre di Vincent Lambert

Ecco perché alla struggente lettera di Viviane Lambert a Emmanuel Macron (pubblicata sul Figaro: non un alito di risposta dall’Eliseo è stato registrato) ha fatto seguito anche un importante documento firmato da 70 medici e paramedici specializzati nel settore delle cure palliative e dell’assistenza terminale. Tale dichiarazione ha i toni di un vibrante J’Accuse nei confronti della “giustizia” e della “medicina” francesi, che stanno collaborando a un pactum sceleris il cui punto di ricaduta sarebbe la morte di un innocente sano. È stata accesa una miccia nell’ombra, ma se nessuno la spegnerà la deflagrazione sarà enorme, e dalle ripercussioni politiche e sociali incalcolabili. Ecco perché nessuno parla di Rachel Lambert: l’eventuale ostinazione di una moglie crudele che per motivi suoi preferisca dirsi vedova piuttosto che divorziata dovrà essere maneggiata con cura, per rientrare in una narrazione che spinga Lambert alla morte e introduca l’eutanasia in Francia; un elemento ambiguo che a tutte le parti in causa conviene tenere basso – come a dire, non si sta parlando di una crisi di coppia.

Per questo abbiamo ritenuto importante pubblicare la traduzione integrale del documento medico che difende Vincent Lambert: come si vedrà leggendolo, esso difende la nostra civiltà occidentale non meno che la vita di quel singolo uomo.


Noi, medici e professionisti specializzati nella cura di persone cerebrolese in stato vegetativo o iporelazionale (EVC-EPR), teniamo a esprimere – in fede e in coscienza – la nostra incomprensione e la nostra estrema inquietudine riguardo alla decisione di arresto di nutrizione e idratazione artificiali per il signor Vincent Lambert. Una trama di incertezze e un ordito di ipotesi, così pure come giudizi contraddittori sul livello di coscienza, sulle capacità di relazione e di deglutizione, e il pronostico fondano una sanzione drammatica, incomprensibile. Alcuni fra noi hanno un’esperienza che va da trenta a quarant’anni di cure e di riflessione su queste persone. La circolare del 3 maggio 2002, che ha marcato una tappa essenziale per l’organizzazione e la qualità della presa in carico delle persone EVC-EPR, costituisce un punto di riferimento sempre attuale.

La maggior parte fra noi non conosce personalmente il signor Vincent Lambert, se non per quello che di lui si dice nei media, in modo fazioso, quanto all’applicazione nei suoi riguardi della legge relativa ai diritti dei pazienti e al fine vita.

Alcuni tra noi hanno potuto visionare un breve video, scene girate nel giugno 2015, il quale permette di affermare che il signor Vincent Lambert è sì in stato iporelazionale, e cioè non è in coma, non richiede alcuna misura di rianimazione e ha capacità di deglutizione e vocalizzazione. Se ci è impossibile pronunciarci sull’esatto livello di coscienza e sulle sue capacità relazionali, per contro il signor Vincent Lambert ci sembra ravvicinabile ai pazienti afferenti alle nostre unità EVC-EPR, e a quelli che neppure hanno la tracheotomia. È evidente che non è in fin di vita. La sua sopravvivenza nelle condizioni e nel contesto che lo circondano – disintegrazione famigliare, procedure giuridiche interminabili, scatenamento mediatico, assenza di progetto di vita con abbandono di ogni rieducazione o uscita o momento in sedia a rotelle, isolamento sensoriale e relazionale nella sua camera, dov’è rinchiuso a chiave da quattro anni… – testimonia anzi ai nostri occhi la sua tenace pulsione di vita.

Come non tenere conto del fatto che il signor Lambert è sopravvissuto nel 2013 a trentuno giorni senza alimentazione e con un’idratazione ridotta al minimo, mentre per la nostra unanime esperienza questo fatto è incomprensibile con una volontà di morte? Quando non vogliono più vivere, questi pazienti muoiono in pochi giorni, a volte in poche ore. Questa sopravvivenza per trentuno giorni testimonia al contrario un’incontestabile pulsione di vita che avrebbe dovuto fondare da cinque anni a questa parte una nuova presa in carico imperniata su un progetto di vita e che non si riduca a cure da balia.

Le esperienze mediche, anche praticate da eminenti specialisti, riposano sempre su esami praticati in un tempo necessariamente limitato. Esse non sono adattate alla situazione di questi pazienti, dei quali bisogna conquistare la fiducia prima di poter ottenerne una qualunque manifestazione di presenza cosciente. Questa valutazione non può essere convalidata che da un’équipe pluridisciplinare, in condizioni di vita variegate, lungo un arco temporale sufficientemente lungo, di più settimane, in contatto con i membri presenti della famiglia. Questo è impossibile in un contesto di reclusione senza progetto di vita. Ora, la nostra esperienza incrociata di praticanti specializzati con questo tipo di pazienti ci porta a constatare che lo stato detto vegetativo cronico, nel senso di un paziente che non sarebbe capace di alcuna relazione, non esiste: tutti i pazienti diagnosticati vegetativi che sono passati nei nostri centri di cura hanno in realtà una coscienza minima che bisogna saper individuare e sfruttare in stretta sinergia con la famiglia. Presi in carico in ospedale o in strutture specializzate, questi pazienti fanno spesso progressi sbalorditivi che sorprendono sempre gli attendenti alle cure, e tutti si sono rivelati essere capaci di relazioni interpersonali con il loro entourage, più o meno elaborate ma sempre esistenti e verificate.

Noi ci interroghiamo sulle circostanze che hanno potuto condurre ad affermare che il signor Vincent Lambert avrebbe potuto manifestare, alla fine del 2012, una volontà certa e irrevocabile di morire, punto di partenza della riflessione e delle procedure collegiali intraprese dall’équipe che ce l’ha in carico. La nostra esperienza ci porta anche ad interrogarci sul fatto che una medesima équipe di cura garantisce contemporaneamente cure a pazienti in fin di vita e a pazienti cerebro lesi: vi sono, qui e lì, due logiche antinomiche che non possono coabitare.

Su queste basi:

  1. Noi denunciamo le condizioni di vita imposte al signor Vincent Lambert: allettamento permanente, assenza di momenti in carrozzella adeguata, assenza di uscite, reclusione a chiave nella sua stanza, assenza di programma rieducativo di manutenzione, assenza di rieducazione della deglutizione, limitazione delle visite, tutte misure che si oppongono al mantenimento di una vita sociale e affettiva, primordiale per queste persone. Tali condizioni, tanto incomprensibili quanto inammissibili, assomigliano a un’incarcerazione prolungata, indegna del suo stato, della sua persona, dei suoi prossimi. Esse ci appaiono contrarie ad ogni etica e deontologia mediche.
  2. Non riusciamo a comprendere che in nessun momento di questa terribile storia e davanti a una decisione tanto grave sia stato sollecitato il parere di una squadra esperta. Grave perché non ha altra finalità se non quella di provocare la morte di un uomo che non è in fin di vita e il cui stato di handicap pare stabilizzato, e ciò perfino con una procedura collegiale. Né l’équipe medica che ha in carico il signor Vincent Lambert, all’inizio di questa situazione, né le diverse istanze di Giustizia – quali si vogliano, per quante ne siano state sollecitate – hanno fatto una simile considerazione, che pure è di buonsenso e comune, tra colleghi.
  3. Auspichiamo che il signor Vincent Lambert, il quale non è in fin di vita, benefici di una presa in carico conforme allo spirito della circolare del 3 maggio 2002. Per questo, egli dev’essere trasferito in un’unità dinamica dedicata ai pazienti EVC-EPR, che gli proponga un progetto di vita di qualità con inclusione dei suoi prossimi.

Laddove sentiamo dire “accanimento terapeutico”, noi non vediamo che abbandono terapeutico e maltrattamento di persona vulnerabile; e chiediamo la ripresa delle cure fisiche e relazionali.

Laddove sentiamo dire “volontà del paziente”, apprendiamo che il nostro collega che ha preso tale drammatica decisione non formula altro che ipotesi.

Laddove sentiamo dire “staccare la spina”, noi non vediamo alcun filo, alcuna macchina da disconnettere all’infuori della flebo della nutrizione enterica per via di gastrostomia, che in simili pazienti costituisce una cura di base. Però vediamo capacità di deglutizione volontaria e domandiamo che venga intrapresa una rieducazione appropriata.

Laddove sentiamo dire “sospensione dei trattamenti” noi non vediamo che deliberata provocazione della morte, un’eutanasia che non dice il proprio nome; e chiediamo invece un vero progetto di vita: ripresa della cinesiterapia dopo trattamento delle atrofie ai tendini che si sono necessariamente venute a trovare, in più di quattro anni di sospensione di tali cure, giro in carrozzina, uscita all’aria aperta.

Laddove sentiamo “procedura collegiale” noi non vediamo che una posa partigiana, ideologica, disconnessa dalla realtà di una situazione di handicap severa, stabile, che giustifica cure e trattamenti adatti in vista del benessere della persona; e noi chiediamo che il signor Vincent Lambert sia alfine trasferito in un’unità EVC-EPR che pratichi cure attive e globali nel quadro di un progetto di vita e non di morte annunciata e programmata.

Laddove sentiamo la voce di alcuni dei nostri colleghi rallegrarsi alla tesi dell’accanimento terapeutico, noi alziamo la nostra, forte di numerosi anni di esperienza, perché il nostro silenzio non diventi complice della morte provocata di uno dei nostri pazienti. Chi può osare di emettere un giudizio sul valore di una vita? Non è al contrario il dovere e l’onore di una società umana, quello di prendersi cura dei più vulnerabili tra i suoi?

La lista completa dei firmatari:

Hélène Alessandri, psicologa; Luce Bardagi, medico; Djamel Ben Smail, PUPH; Cécile Bernier, ergoterapeuta; Anne Boissel, conferenziera; Marie-Hélène Boucand, medico; Patricia Bourgogne, medico; Joseph Bou Lahdou, medico; Françoise Canny-Vernier, medico; Hélène Carriere-Piquard, medico; Mathilde Chevignard, operatore; Emmanuel Chevrillon, medico; Pauline Coignard, medico; Florence Colle, medico; Floriane Cornu, cinesiterapeuta; Hélène Curalluci, medico; François Danze, neurologo; Danielle Darriet, neurologo; Xavier Debelleix, medico; Jacques Delecluse, medico; Monique Delwaulle, encadrante; Philippe Denormandie, chirurgien; Jean-Pascal Devailly, medico; Xavier Ducrocq, neurologo; Marc Dutkiewicz, neuro-psychanalyste; Nadine Ellahi, secrétaire médicale; Michel Enjalbert, medico; Alain Faye, chirurgien; Catherine Fischer, neurologo; Louis Fromange, medico; Jean-Yves Gabet, neurologo; Laure Gatin, chirurgien; Christine Greselin, aiuto-infermiera; Lysiane Hatchikian, psicologa; Alain Hirschauer, chef de service; Marie-Hélène Jean, orthophoniste; Bernard Jeanblanc, medico; Catherine Kiefer, medico; Isabelle Laffont, PUPH; Françoise Lagabrielle, psichiatra; Hervé Lautraite, medico; Sonia Lavanant, medico; Bernard Lange, neurologo; Jean-Luc Le Guiet, medico; Marc Lestienne, medico; Emma Lozay, ergoterapeuta; Pascale Lublin-Morel, medico; Marie-Paule Mansour, infermiera; Jérôme Martin-Moussier, medico; Daniel Mellier, professeur émérite; Samir Mesbahy, dottore; Sabrina Monet, aiuto-infermiera; Dominique Norblin, cadre de rééducation; Dominique Papelard, medico; Frédéric Pellas, medico; Philippe Petit, medico; David Plantier, medico; Bruno Pollez, medico; Bénédicte Pontier, medico; Perrine Quentin, medico; Chantal Regnier, geriatra; Edwige Richer, neurologo; Dalila Solal, medico; Brigitte Soudrie, operatore ospedaliero; Hélène Staquet, neurochirurgo; François Tasseau, medico; Jean-Luc Truelle, professeur; Hélène Turpin, orthophoniste; Hervé Vespignani, neurologo; Yves-André Vimont, medico; Jean-Bernard Witas, medico.

Tags:
bioeticaeticaeutanasiafranciamedicinaVincent Lambert
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni