Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Aprile |
San Giorgio
home iconStorie
line break icon

Luciano Ligabue: vi racconto il mio dialogo con Dio

LIGABUE

Luca Carlino / NurPhoto / AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 18/04/18

Ognuno la vive a modo suo. Di certo, per i cattolici l’Eucarestia non assomiglia certo a un atto di cannibalismo e la religione abbracciata non viene percepita come punitiva. Altrimenti sarebbero i primi a levare le tende.




Leggi anche:
Dio non manda nessuno all’inferno

Le 5 parole “cristiane” di Ligabue

D’altro sul piano valoriale sono diversi i principi che accomunano la dottrina cattolica al cantautore di Correggio. Galliani ne ha raccolto cinque.

Per primo la gratitudine. «Mi dichiaro fortunato, senza pudore. Ho conosciuto anche dolori profondi, ma sono cose della vita che toccano tutti. Non posso pretendere di esserne indenne. Il sentimento della gratitudine è poco frequentato, dovrebbe essere più esteso. Ringraziare fa star bene chi riceve ma anche chi è grato. Scalda il cuore», (Massimo Cotto, Luciano Ligabue. “Urlando contro il cielo”)

La seconda parola chiave è responsabilità. Un concetto che, ad esempio, viene espresso in Vita da mediano.

«La vita è un piacere ma anche qualcosa che un po’ ci si deve guadagnare con il sudore e con la volontà. Io credo che la gente consapevole difficilmente pensa di essere benedetta da genio o talento e che, se vuole produrre qualcosa, deve farlo faticando» (Riccardo Bertoncelli, Vivere a orecchio).

La terza parola è equilibrio. Perché, dice il Liga, il successo può far sentire bene, ma non è il fine ultimo della felicità.

Ligabue non si mette mai al centro. Essere famoso e acclamato non autorizza nessuno a sentirsi più importante degli altri. «Non dovete badare al cantante», afferma nell’omonima canzone, «tutta gente che viene e che va». E ancora: «Non dovete badare al cantante/ quello lì che si crede una star/ Quello lì che si crede uno che lasci il segno/ e invece una volta passato chi si volterà?».

Le “periferie”

La quarta parola è sguardo. Le storie raccontate dalla rockstar sono spesso sguardi di provincia, periferie nascoste da portare alla luce. Ad esempio, la sua prima canzone composta (e mai incisa), a fine anni Settanta, si chiamava Cento lampioni e parlava di una prostituta che voleva smettere. Sembra quasi che questo scenario faccia eco alle “periferie esistenziali” richiamate spesso da Papa Francesco.

La quinta ed ultima parola è realismo. Ligabue non ha costruito su di sé alcun personaggio, né tanto meno quello del cocker maledetto.

Trovo sempre più noiosa l’idea di questo ribellismo trasgressore ad ogni costo, questo cliché del rocker che ha schifo del mondo che lo circonda, che vuole distruggere e distruggersi, che vive di risse, grandi gesta sessuali, grandi approcci con la droga, fino al gesto estremo, quello che ti mette nell’Olimpo dei più grandi per sempre (Riccardo Bertoncelli, Vivere a orecchio).

Il Liga non ha mai inneggiato allo sballo. Più di tanti altri artisti, però, si è soffermato sugli effetti devastanti delle droghe pesanti. Senza sparare sentenze, ma neppure senza nascondersi dietro un dito.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
diofede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa sui cristiani “malati” di protagonismo: non d...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
5
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
6
PRIEST,ROMAN,COLLAR
Ary Waldir Ramos Díaz
Aveva un contratto con la Roma, ma ha preferito firmare con Dio
7
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni