Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 22 Settembre |
San Matteo
home iconStile di vita
line break icon

Anatomia della frustrazione: riconoscere la propria debolezza e poi ricominciare

FRUSTRATION

Gaudilab - Shutterstock

Orfa Astorga - pubblicato il 18/04/18

Sara risponde a una telefonata e si sente dire con gentilezza affettata: “Ciao! Che piacere ascoltarti!” Poi, man mano che riceve un rapporto a lei sfavorevole sul suo recente incidente di traffico, sul suo volto si disegna un’espressione iraconda.

È allora che il suo stato d’animo esplode con un tono alterato seguito da epiteti offensivi nei confronti di chi la chiama, e poi chiude bruscamente la comunicazione.

In seguito, si trattiene a malapena quando mi parla: “Oggi mi è andato tutto male! Malissimo!”

È la stessa persona che ormai vari anni fa, durante una sua festa di compleanno, ha pianto, si è buttata a terra battendo i piedi e finalmente, quando sembrava disposta a soffiare sulle otto candeline, si è gettata sulla torta e l’ha distrutta. Il motivo: era frustrata perché sperava di ricevere un cucciolo come regalo ma non l’aveva ottenuto.

La sua storia personale è un chiaro esempio di come la frustrazione, quando è un sentimento assunto in modo negativo, si può tradurre in ira o delusione, destabilizzando la personalità di chi non è riuscito a ottenere ciò che voleva.

In quella festa infantile non solo non è stata punita, ma alla fine gli altri hanno assecondato il suo capriccio. Penso che sarebbe stata meglio una bella sculacciata.

Lo dico per esperienza professionale, visto che nel mio studio assisto a veri conflitti di personalità di chi fin dall’infanzia ha visto come risolvevano i suoi problemi. Queste persone sono state educate nella permissività del “lasciar fare” per evitare loro “traumi e frustrazione”.

Ed è stato proprio questo che si è coltivato.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
frustrazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni