Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Marcella Pattijin, l’ultima beghina a vivere come si usava nel Medioevo

PATTYN
Condividi
Marcella Pattijin è nata cieca, ma il fatto di non vedere non le ha impedito di trovare il suo posto nel mondo. Era nata nel Congo Belga nel 1920 e aveva studiato in una scuola per non vedenti di Bruxelles.

Marcella aveva una fede profonda che l’ha portata a cercare un convento in cui dedicare la sua vita a Dio. Ha finito per vivere a Sint Amandsberg, vicino Gent, dove una comunità di più di 200 donne aveva adottato lo stile di vita delle beghine, la cui origine risale al Medioevo.

Verso il XII secolo nell’Europa medievale stava nascendo un nuovo concetto di vita apostolica. Le donne, sia umili che benestanti, furono le protagoniste di un notevole sviluppo della fede e della necessità di abbandonare tutto per seguire i passi di Gesù povero.

In quel contesto sorsero nel nord Europa le comunità femminili note come beghinaggi o beateri. A Liegi, nel 1170, nacque il primo gruppo di beghine, donne religiose dedite alla preghiera, al lavoro assistenziale e alle opere di carità.

Le beghine si distinguevano dal resto delle religiose medievali perché non seguivano alcuna regola monastica. Assumevano i voti di castità e povertà, ma non quello di clausura.

Nei molti beateri che sorsero in Europa, le beghine si prendevano cura dei malati che non avevano risorse e visitavano gli orfanotrofi e i lebbrosari offrendo consolazione spirituale.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.