Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 22 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
Aleteia logo
home iconNews
line break icon

Flirtare online è come tradire. Lo stabilisce la Cassazione

Marcos Mesa Sam Wordley/Shutterstock

Aleteia Italia - pubblicato il 17/04/18

“In Cassazione, l’uomo, distinto signore ancora in cerca di avventure nonostante le sue recenti nozze con la giovane consorte, si è lamentato del fatto che i magistrati bolognesi avevano ‘ritenuto giustificato l’allontanamento della moglie dalla casa coniugale senza preavviso esclusivamente per la scoperta di un suo interesse alla ricerca di compagnie femminili sul web’.

Ad avviso del marito lasciato, “tale circostanza non era sufficiente a provare che l’allontanamento fosse dipeso esclusivamente da ciò, in assenza di pregresse tensioni tra i coniugi”. Ma il tentativo di “minimizzare la sua condotta” non ha sortito effetto. A nulla gli è valso, per cancellare l’assegno in favore dell’ex, far riferimento alla “breve durata del matrimonio, nemmeno un anno”, alla circostanza ammessa dalla stessa moglie “di svolgere lavori in nero”, al fatto che lei avesse “automobili di grossa cilindrata”, “quote di immobili, un intero palazzo e altre potenzialità economiche a lei favorevoli”.

I confini della relazione ‘platonica’

Più volte la giurisprudenza si è pronunciata sulla possibilità di dichiarare la responsabilità per il fallimento del matrimonio (cosiddetto addebito) nei confronti del coniuge che intrattenga una relazione platonica su internet, osserva il sito La Legge per Tutti. E tutte le volte in cui il rapporto telematico travalichi la semplice “amicizia virtuale”, sconfinando nel desiderio carnale o, comunque, in un legame sentimentale, non vi sono dubbi: per i giudici questo basta per essere dichiarati colpevoli della violazione dell’obbligo di fedeltà.

Ma chi intrattiene flirt virtuali può contare sulla “non punibilità” della sua azione “se riesce a dimostrare che la vera causa della rottura del matrimonio non è stata la sua relazione su internet, ma essa va ricercata in situazioni pregresse, che già avevano sgretolato l’unità familiare. Insomma, basta la prova che la vita di coppia fosse già compromessa per non subire l’addebito”.




Leggi anche:
Bartolomeo: “Amoris laetitia ricorda la compassione di Dio”

Fin qui gli effetti giuridici e civili di una scelta che evidentemente avrebbe molto da far parlare e ragionare. Arrivare a questo punto vuol dire che il matrimonio non poggiava su basi salde, e questo fa venire alla mente il ragionamento dietro alle parole del Papa a proposito della nullità di certi atti. Davvero siamo di fronte a tanti “matrimonio falsi”, non sappiamo nello specifico se questo si fosse celebrato anche in Chiesa, ma non è importante. Questa notizia (davvero triste nei suoi contorni) permette una riflessione sull’autentica essenza del matrimonio e dell’impegno che due persone dovrebbero voler prendere tra di loro e con se stesse (oltre che con Dio) ma evidentemente non hanno il coraggio di parlarsi con “parresia” cioè con franchezza che è un ulteriore sintomo non della morte di un amore, ma del fatto che esso non sia mai nato in quella coppia. Quindi questa volta la “lezione” viene dai laici, che mettono in guardia anche solo dal “curiosare” in certi siti…




Leggi anche:
Coccopalmerio sul capitolo VIII dell’Amoris laetitia: nessun dubbio, la dottrina è rispettata

  • 1
  • 2
Tags:
sentenza cassazionetradimento
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
3
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
SQUID GAME, NETFLIX
Annalisa Teggi
Squid game, il gioco al massacro è un mondo senza misericordia
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni