Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

Il ciclo mestruale, né tabù né leggenda: “osservati, sei parte della terra e del cielo!”

GIRL, MOON, HANDS
Shutterstock
Condividi
Commenta

Insegniamo alle nostre figlie a osservare nel ritmo del corpo il disegno della vita, fatto di primavere ed inverni

Non se ne parla affatto in pubblico; se ne parla tra donne per lamentarsi sui sintomi più fastidiosi. Lo si identifica con parole abbastanza neutre, come «ciclo» o «periodo»; si evita di pronunciare «mestruazioni» che è parola lunga e dal suono poco piacevole. Eppure la radice significativa è tutta lì, nel prefisso «mes»: è lo stesso che dà origine alle parole mese, misurare, metro e non ha altra origine se non la luna (a cui ci si riferiva in antichissimi tempi col suono mas/mah).

La luna era l’unità di misura privilegiata del tempo, perciò derivano da questo astro parole ormai diversissime, che però hanno in comune o il trascorrere del tempo o la misurazione.

Che il ciclo femminile sia legato alle fasi lunari è noto ed è anche fonte di leggende più o meno probabili. Vero è che i nostri nonni, pur con tutte le loro strane suggestioni, avevano un vantaggio rispetto al nostro moderno stile di vita: osservavano la relazione persona-natura senza tentazioni naturistiche.

L’uomo moderno è senza orologio

È evidente che l’uomo faccia parte di una vasta Creazione e che la natura sia manifestazione di questo disegno; dunque, noi umani siamo vincolati ai tempi della natura e dell’universo, perché siamo parte dei tempi divini che si manifestano nel Creato.

L’ora et labora di benedettina memoria aveva lo stesso ritmo del respiro, che trattiene e libera, del cuore che si stringe e si allarga, del giorno e della notte. Il tempo dell’uomo canta in armonia col tempo del mondo; c’è un’alternanza proficua, benefica, sana nel succedersi di riposo e opera, tra veglia e sonno, tra alba e tramonto. Ci sono le lodi mattutine, l’ora media e i vespri; la preghiera guarda al corso del sole senza venerare il Dio Sole, ma per venerare Chi ha stabilito i tempi e i modi dell’agire umano.

Pagine: 1 2 3 4

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni