Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 09 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il Papa ha imparato da Sant’Ignazio a riconoscere le insidie del diavolo

WEB POPE FRANCIS IGNATIUS LOYLA © Aleteia

Pape François - Ignace de Loyola © ALETEIA

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 13/04/18

Il suo maestro spirituale ne parlava con le stesse parole con cui Bergoglio lo descrive oggi

«La nostra non è una gioia che nasce dal possedere tante cose, ma nasce dall’aver incontrato una Persona: Gesù, che è in mezzo a noi; nasce dal sapere che con Lui non siamo mai soli, anche nei momenti difficili, anche quando il cammino della vita si scontra con problemi e ostacoli che sembrano insormontabili, e ce ne sono tanti! E in questo momento viene il nemico, viene il diavolo, mascherato da angelo tante volte, e insidiosamente ci dice la sua parola. non ascoltatelo! Seguiamo Gesù!».

Il 24 marzo 2013, durante la Domenica delle Palme, Papa Francesco parlava in questi termini di Satana. Era una delle prime volte in cui l’allora neo-pontefice nominava il demonio.

In realtà, nei suoi studi teologici Bergoglio ha appreso dal suo più grande maestro i rischi derivati dall’incontro con il diavolo.

I “giochi” del diavolo

Sant’Ignazio di Loyola, come spiega don Marcello Stanzione in “Papa Francesco fra angeli e diavoli” (edizioni Segno), lo etichettava con parole che oggi spesso usa Bergoglio per parlare di Satana.

Sant’Ignazio affronta i giochi del diavolo che scimmiotta l’Angelo che fu in altri tempi: «È proprio dell’Angelo cattivo – spiega Sant’Ignazio – quando si trasforma in Angelo di luce, di entrare dapprima nei sentimenti dell’anima pia, e di finire con ispirargli i suoi. Così, egli comincia col suggerire a quest’anima dei pensieri buoni e santi, conformi alle sue disposizioni virtuose; ma ben presto, poco a poco, egli compita di attirarlo nei suoi tranelli segreti, e di farla acconsentire ai suoi colpevoli disegni».




Leggi anche:
Ecco le regole di Sant’Ignazio per tenere lontano il diavolo dalla tua vita

Come riconoscere un pensiero malefico

«Noi – prosegue il fondatore dei Gesuiti – dobbiamo esaminare con grande cura il seguito ed il cammino dei nostri pensieri. Se l’inizio, il mezzo e la fine, tutto è buono in essi, e tendono puramente al bene, è una prova che essi vengono dall’Angelo buono; ma se, nel seguito dei pensieri che ci sono suggeriti, finisce per incontrarvisi qualcosa di meno buono che non ci eravamo proposti di fare, o se questi pensieri indeboliscono la nostra anima, la inquietano, la turbano, le ostacolano la pace, la tranquillità di cui gioiva prima, è una nota evidente che essi sono del cattivo spirito».

E sant’Ignazio nel precisare che il nemico si riconosce e si scopre «dalla sua coda di serpente, cioè dal fine pernicioso nel quale ci porta».


POPE FRANCIS,GENERAL AUDIENCE

Leggi anche:
Così padre Bergoglio insegnava ai bambini a condannare il diavolo

Un demonio “misogino”

Sant’Ignazio di Loyola, si legge ancora nel volume di Don Marcello Stanzione, propone anche un ritratto del diavolo che nel ventunesimo secolo «potrebbe apparire un po’ misogino».

Scrive il fondatore dei Gesuiti: «Il nostro nemico rassomiglia ad una donna; egli ne ha la debolezza e la mutevolezza delle opinioni. È proprio di una donna, quando disputa con un uomo, di perdere coraggio e di prendere la fuga subito che questi gli mostra un volto fermo; l’uomo, al contrario, quando comincia col temere ed indietreggiare, la collera, la vendetta e la ferocia di questa donna si accrescono e non hanno più misura».

Il rischio di accettare le tentazioni

Come pure, continua il padre dei Gesuiti, «è proprio del nemico affievolire, perdere coraggio e prendere la fuga con le sue tentazioni, quando la persona che si esercita nelle cose spirituali mostra molta fermezza contro il tentatore, e fa diametralmente l’opposto di ciò che gli è suggerito».

Al contrario, «se la persona che è tentata comincia col temere e col sopportare l’attacco con meno coraggio, non c’è bestia feroce sulla terra la cui crudeltà eguaglia la malizia infernale con la quale questo nemico della natura umana si attacca nel perseguire i suoi perfidi disegni».




Leggi anche:
Cosa pensa Papa Francesco del diavolo?

Un seduttore

Il paragone successivo di Sant’Ignazio è felicemente altrettanto poco attraente per gli uomini, che il precedente lo era per le donne: «La sua condotta è ancora quella di un seduttore; egli domanda il segreto e non dubita niente finché non è scoperto. Un seduttore che sollecita la figlia di un padre onesto, o la moglie di un uomo d’onore, vuole che i suoi discorsi e le sue insinuazioni restino segreti. Egli teme vivamente, al contrario, che la figlia non scopra a suo padre. O la moglie a suo marito, le sue parole fallaci e la sua intenzione perversa».


POPE FRANCIS

Leggi anche:
Papa Francesco nega l’inferno? Ma se lo cita in continuazione!

L’inganno del segreto

Egli, conclude il santo gesuita, «comprende facilmente che non potrebbe allora riuscire nei suoi colpevoli disegni. Come pure, quando il nemico della natura umana vuole imbrogliare un’anima giusta con le sue astuzie ed i suoi artifici, egli desidera, egli vuole che ella l’ascolti e che custodisca il segreto».

Tags:
diavolopapa francescosant'ignazio di loyola
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni