Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 16 Aprile |
Santa Bernadette Soubirous
home iconNews
line break icon

Cosa accade dopo l’eroico blitz dei genitori di Alfie Evans in ospedale

Alfie e seu pai Tom Evans

Tom Evans / Kate James

Giovanni Marcotullio - Aleteia Italia - pubblicato il 13/04/18

Per misurare la distanza tra la sapienza (anche dolorosamente maturata) del Continente e la delirante autarchia giuridico-amministrativa d’Oltremanica, basti riportare dagli atti della sentenza del 20 febbraio (grazie a Gabriele per l’opportuna segnalazione) il passaggio in cui il dottor Nikolaus Haas – Direttore medico del Dipartimento di Cardiologia pediatrica e cura intensiva dell’ospedale universitario della Ludwig-Maximilians Universität di Monaco – offriva in audizione il proprio parere medico:

Per riassumere le mie considerazioni, il piccolo Alfie – per quanto posso capire con tutte le mie conoscenze – soffre sfortunatamente di un disordine neurologico molto grave, probabilmente degenerativo che potrà portarlo in ultima istanza alla morte. Concordo con il suo staff medico nel dire che ho difficoltà a credere che ci sia una cura per questo bambino. Resta tuttavia indeterminabile quanto tempo egli sarà in grado di condividere coi suoi genitori. Si direbbe infatti che egli sia vissuto fino a questo momento più a lungo di quanto inizialmente si pensasse. La sospensione del suo trattamento lo porterebbe immediatamente alla morte, e certamente questo non può essere nel suo interesse. È chiaro che il suo miglior interesse sarebbe la possibilità, per Alfie, di vivere il verosimilmente breve resto della sua vita dignitosamente, insieme con la sua famiglia, a casa se così desiderano i suoi genitori – e questo io credo sarebbe la cosa migliore per lui: fuori dall’ospedale oppure in un hospice o in altra struttura di cure terminali. Un’istituzione dedicata alla riabilitazione neurologica potrebbe apportare ulteriore beneficio, perché potrebbero darsi altri trattamenti oppure stimolazioni terapiche di cui io non sono a conoscenza.

Dall’alto della sua lunga esperienza medica, il giudice ha rovesciato il prudente ed equilibrato giudizio del professor Haas, accusandolo neanche troppo velatamente di usare il caso come «vetrina per le sue credenze personali» (sic!). Quali credenze? Non è dato saperlo. Di certo Mr. Justice è rimasto molto seccato dal severo richiamo del medico:

A causa della nostra storia, in Germania, abbiamo imparato che ci sono alcune cose che semplicemente non si fanno, con i bambini gravemente handicappati. Una società dev’essere preparata a prendersi cura di questi bambini gravemente handicappati, non può decidere che il supporto vitale debba essere sottratto contro la volontà dei genitori, se c’è incertezza sulle sensazioni e sulla percezione del bambino, come qui è il caso.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
Alfie Evanscharlie gard
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni