Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cosa accade dopo l’eroico blitz dei genitori di Alfie Evans in ospedale

Alfie e seu pai Tom Evans
Tom Evans / Kate James
Condividi

Ieri sera s'è verificato ciò che pareva troppo bello anche solo da sognare: Thomas Evans e Kate James hanno impugnato il loro diritto parentale e hanno tentato di prelevare il piccolo Alfie alla vigilia dell'esecuzione della sentenza di morte del giudice Hayden. Li hanno ostacolati con l'intervento della forza pubblica. Ora si attende a breve il nuovo intervento del giudice.

Per misurare la distanza tra la sapienza (anche dolorosamente maturata) del Continente e la delirante autarchia giuridico-amministrativa d’Oltremanica, basti riportare dagli atti della sentenza del 20 febbraio (grazie a Gabriele per l’opportuna segnalazione) il passaggio in cui il dottor Nikolaus Haas – Direttore medico del Dipartimento di Cardiologia pediatrica e cura intensiva dell’ospedale universitario della Ludwig-Maximilians Universität di Monaco – offriva in audizione il proprio parere medico:

Per riassumere le mie considerazioni, il piccolo Alfie – per quanto posso capire con tutte le mie conoscenze – soffre sfortunatamente di un disordine neurologico molto grave, probabilmente degenerativo che potrà portarlo in ultima istanza alla morte. Concordo con il suo staff medico nel dire che ho difficoltà a credere che ci sia una cura per questo bambino. Resta tuttavia indeterminabile quanto tempo egli sarà in grado di condividere coi suoi genitori. Si direbbe infatti che egli sia vissuto fino a questo momento più a lungo di quanto inizialmente si pensasse. La sospensione del suo trattamento lo porterebbe immediatamente alla morte, e certamente questo non può essere nel suo interesse. È chiaro che il suo miglior interesse sarebbe la possibilità, per Alfie, di vivere il verosimilmente breve resto della sua vita dignitosamente, insieme con la sua famiglia, a casa se così desiderano i suoi genitori – e questo io credo sarebbe la cosa migliore per lui: fuori dall’ospedale oppure in un hospice o in altra struttura di cure terminali. Un’istituzione dedicata alla riabilitazione neurologica potrebbe apportare ulteriore beneficio, perché potrebbero darsi altri trattamenti oppure stimolazioni terapiche di cui io non sono a conoscenza.

Dall’alto della sua lunga esperienza medica, il giudice ha rovesciato il prudente ed equilibrato giudizio del professor Haas, accusandolo neanche troppo velatamente di usare il caso come «vetrina per le sue credenze personali» (sic!). Quali credenze? Non è dato saperlo. Di certo Mr. Justice è rimasto molto seccato dal severo richiamo del medico:

A causa della nostra storia, in Germania, abbiamo imparato che ci sono alcune cose che semplicemente non si fanno, con i bambini gravemente handicappati. Una società dev’essere preparata a prendersi cura di questi bambini gravemente handicappati, non può decidere che il supporto vitale debba essere sottratto contro la volontà dei genitori, se c’è incertezza sulle sensazioni e sulla percezione del bambino, come qui è il caso.

 

 

 

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.