Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Il preside di Singapore scrive ai genitori: è solo un esame, ditelo ai vostri figli (VIDEO)

SCHOOL, PUPILS, WRITING
Shutterstock
Condividi

Da Radio Deejay ad Antonella Clerici, diventa virale il testo che parla di felicità e dignità al di là dei voti

Due giorni fa è stata letta in diretta da Linus nel corso di Deejay chiama Italia e da lì ha cominciato a diffondersi su tutti i canali social: si tratta di una breve lettera che un non meglio identificato preside di Singapore avrebbe appeso fuori dalla scuola in vista degli esami imminenti; non è diretta agli alunni ma ai genitori. Quanto ad aspettative opprimenti, siamo noi -padri e madri- a soffocare  spesso e volentieri l’orizzonte propositivo dei figli.

Ieri a La prova del cuoco, intorno al minuto 4.40, anche Antonella Clerici ha ripreso il medesimo testo, offrendo un orizzonte di riflessione più puntuale e drammatico: il suicidio di Giada De Filippo, la ventiseienne napoletana che si è gettata dall’ultimo piano dell’università e che aveva mentito sul suo inesistente percorso universitario. Una vicenda tremenda, dietro cui urge la domanda di un senso di pienezza del vivere che non dipenda da voti e titoli.

Ecco dunque il testo della lettera che sta diventando virale:

“Gli esami dei vostri figli stanno per iniziare, so che sperate che i vostri figli vadano bene.
Ma per favore ricordatevi che tra gli studenti che siederanno per fare gli esami c’è un artista che non capisce la matematica, c’è un imprenditore a cui non interessa la storia, c’è un musicista i cui voti in chimica non saranno importanti, c’è una persona sportiva il cui allenamento è più importante della fisica.
Se tuo figlio andrà bene sarà un’ottima cosa, ma se lui o lei non lo faranno, per favore non privarli della loro fiducia e della loro dignità. Digli che non fa niente, che è solo un esame. Potranno fare cose molto più grandi nella loro vita. Digli che non importa quali saranno i loro voti, li amerai lo stesso senza giudicarli. Comportatevi così per favore. E quando lo farete, ammirerete i vostri figli conquistare il mondo. Un esame od un brutto voto non gli porteranno via i loro sogni ed il loro talento.
Per favore, non pensate che dottori ed ingegneri siano le uniche persone felici al mondo.
Cordiali saluti, il preside”.

Non c’è nulla da eccepire in questa proposta, è la strada giusta; eppure mi sento di alzare la posta in gioco. Si parla di talento, al di là dei voti; si parla di conquistare il mondo. Insomma si parla di traguardi, e va benissimo. Però ciascuno di noi è un contributo irrinunciabile alla storia del mondo non solo per la sua parte buona, valente e proficua (che può o non può essere riconosciuta a scuola).

In sintesi: il musicista coi brutti voti in fisica vale solo perché è diventato un bravo musicista? E l’artista che non capisce la matematica è felice solo perché è diventato un artista? Ognuno ha dei sogni per cui battersi, avanti tutta; ma la nostra presenza vale non solo perché li raggiungeremo e non solo una volta raggiunti.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.