Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 17 Aprile |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Quelle mani che alleviano le sofferenze: Mattia, fisioterapista a Betlemme

OLD WOMAN, JERUSALEM, SELLING

Shutterstock

ATS Pro Terra Sancta - pubblicato il 12/04/18

È riuscito a migliorare la dignità di chi non ha nulla, anziani senza pensione e bimbi disabili

Mattia è un giovane fisioterapista di trent’anni. Dopo aver studiato a Milano e un’esperienza in Germania, un amico francescano lo ha spinto a venire in Terra Santa proprio a Betlemme. «Dopo tre mesi all’orfanotrofio La Chreche, – spiega il ragazzo – mi avevano colpito le storie e i volti di quei bambini, per questo ho voluto continuare a dar loro una mano».

Così grazie ad ATS pro Terra Sancta e l’Associazione Habibi, Mattia ha lavorato per un anno con gli anziani della Società Antoniana di Betlemme e con i bambini dell ‘Hogar Niño Dios, la casa di accoglienza per bambini handicappati, abbandonati o in grave necessità, gestita dalle religiose della Famiglia del Verbo Incarnato. In Palestina manca un sistema pensionistico o di assistenza sanitaria pubblica, quindi senza donazioni e l’aiuto delle suore e frati questi anziani e bambini sarebbero del tutto abbandonati. «Questi luoghi per loro sono l’unica salvezza» racconta Mattia mentre massaggia le gambe di Maria (84 anni), ferma da anni nel letto.




Leggi anche:
Qui presso a Te. Storia di Rosa, Yussef e Joana che non hanno abbandonato Gerusalemme

“Takkè” dice Afifeh, ogni volta che sente il rumorino delle sue articolazioni che vengono mosse. Lei ha più di novant’anni ed è una delle più anziane ospitate nella struttura. «All’inizio lei mi diceva in arabo bukhra thigi – racconta lui – poi ho capito che mi diceva ‘Torni domani?’ e mi ha davvero commosso perché vuol dire che ho lasciato qualcosa». Quando si avvicina a salutare altri pazienti, alcune donne gli baciano le mani e se le portano alla fronte, un gesto tipico qui, rivolto ai sacerdoti delle chiese orientali ma che ora è rivolto a lui come ringraziamento per quelle mani che alleviano le sofferenze.

«Nel rapporto medico-paziente il rapporto umano è tutto – spiega lui – specialmente in una casa di riposo dove il paziente è sempre a letto. Ma il momento umanamente più gratificante è il pasto perché sai che dandogli da mangiare gli stai dando la vita!».
Ciò che più ha colpito Mattia di Betlemme è l’accoglienza della gente: amici, lavoratori e pazienti che lo hanno fanno sentire come un figlio. Così come figli sono i suoi piccoli pazienti dell’Hogar.
Prendendo in braccio Duah, una bellissima bambina di 5 anni che ne dimostra due, spiega «faceva fatica a stare seduta, invece adesso dopo un anno di lavoro sta in piedi e con un minimo supporto cammina». Molti di loro sono affettuosi con lui e a volte non a parole, proprio come Marcellino (Mohammad di nome). Lo ha conosciuto a La Chreche, non parla forse a causa di un trauma, ma corre e sorride sempre, e prende la mano di chi si avvicina per dirgli di seguirlo e giocare con lui.


CHRISTIAN, WOMEN, PALESTINA

Leggi anche:
Le buone samaritane di oggi insegnano cucito e mosaico ai disabili

«Con gli anziani e con i bambini ti rendi conto che il risultato non è l’unica cosa che conta quando ci sono problemi irrisolvibili» spiega Mattia massaggiando le articolazioni di Sofir, una bambina di 7 anni, il cui grave ritardo mentale non le permetterà mai di camminare. Lo scopo del suo lavoro era migliorare quanto più possibile la dignità di queste persone che non hanno nulla e ci è riuscito.
Ora è il suo l’ultimo giorno di lavoro e gli hanno organizzato una festa di addio con i bambini dell’Hogar ma sicuramente il magico tocco delle sue mani rimarrà impresso soprattutto nel cuore e nel sorriso di questi anziani e bambini di Betlemme. Grazie ad ATS pro Terra Sancta, ha potuto dare il suo contributo nell’alleviare le sofferenze del corpo e rendere felice la loro anima!

Nella città dove è nato il Salvatore ritornano così le parole di Gesù: Ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me (Mt 25,40)

QUI IL LINK ALL’ORIGINALE

Tags:
betlemmedisabilifrancescani
Top 10
See More