Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Professione esorcista, un ministero di misericordia

ESORCISMO CROCE
UVgreen/Shutterstock
Condividi

Padre Cesare Truqui racconta la sua formazione di esorcista al fianco di don Amorth e il suo incontro con Satana

“Essere esorcista significa esercitare un ministero di misericordia. Un altro modo di stare vicino a persone che soffrono” (p. 15) è così che Padre Cesare Truqui, esorcista e allievo di Padre Gabriele Amorth, descrive questa particolare vocazione del suo essere sacerdote, nel volume scritto a quattro mani con la vaticanista Chiara Santomiero ed edito da Piemme, dal titolo “Professione Esorcista. I più sconvolgenti casi di possessione e liberazione“.

Il volume spiega con calma e prendendo per mano il lettore che l’esorcismo è prima di tutto un atto di fede, quella del sacerdote, e quella della Chiesa tutta. Non c’è nulla di romantico o di avventuroso, c’è però la percezione precisa che Satana c’è e opera per disperdere il gregge di Dio. Che è bene sapere che questa presenza invisibile ma reale esiste, sebbene sia essenziale non ridurre ogni cosa alla presenza maligna. La maggior parte delle volte basta un buon psichiatra o in generale un medico che sappia capire e interpretare le esigenze reali del malato. Ma esiste anche quel raro caso in cui ad intervenire deve essere un sacerdote, e un sacerdote preparato specificatamente a quel compito.

Truqui racconta la sua formazione di esorcista, il suo “discepolato” con padre Amorth che egli considera il suo maestro, e i primi incontri con il demonio. Il primo caso di reale e totale possessione lo incontrò durante il periodo antecedente la GMG del 2000, la presenza di Satana. Ci vollero anni – racconta – per scacciare definitivamente il diavolo e fu necessaria anche la preghiera di Benedetto XVI.

Ma la vita dell’esorcista non ruota – e non deve ruotare – attorno al maligno, bensì attorno alla preghiera incessante per Gesù Cristo e la Vergine Maria, è questo l’insegnamento e l’avvertimento che padre Amorth ha lasciato ai propri discepoli: fatevi aiutare dalla Madre di Dio, è lei che schiaccia la testa del serpente, dopo tutto, no?

Nel libro, oltre ai ricordi e alle esperienze fatte dal sacerdote dopo oltre un decennio di ordinazione presbiteriale, c’è un capitolo dal titolo “Papa Francesco e il diavolo” in cui si spiega che la naturalezza con cui il pontefice parla di Satana è dovuta al suo essere latino americano, ma che ogni intervento del Pontefice sull’argomento è sempre puntualmente radicato nella dottrina. Francesco, che pure ama le metafore colorite, non le usa mai quando parla del diavolo:

Bergoglio non usa metafore, né minimizza, anzi, costringe a occuparsi del diavolo come persona reale, senza indulgere alla curiosità. In un’omelia dell’11 ottobre 2013, Francesco ha ricordato che “la presenza del demonio è nella prima pagina della Bibbia e la Bibbia finisce anche con la presenza del demonio, con la vittoria di Dio sul demonio”. Tradotto: il nemico non è una metafora. (p. 63-64)

Un libro insomma che sfugge al razionalismo e al contempo tiene a distanza la superstizione. Se Satana è reale (e lo è) va trattato con intelligenza, ma senza ansia perché il suo potere è limitato e il suo destino è la sconfitta…

 

ACQUISTA QUI IL VOLUME

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.