Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

5 lezioni sulla Domenica della Divina Misericordia da “Paolo, Apostolo di Cristo”

PAUL APOSTLE OF CHRIST
Condividi

Il film ci ricorda che la misericordia non è semplice come a volte pensiamo

Quarto: la Divina Misericordia dovrebbe cambiare la nostra vita quotidiana

Il film presenta un ritratto avvincente del modo in cui vivevano i cristiani delle origini, molto simile a ciò che si legge nella prima Lettura della Domenica della Divina Misericordia, tratta dal capitolo 4 degli Atti degli Apostoli: “La moltitudine di coloro che eran venuti alla fede aveva un cuore solo e un’anima sola… Nessuno infatti tra loro era bisognoso, perché quanti possedevano campi o case li vendevano, portavano l’importo di ciò che era stato venduto e lo deponevano ai piedi degli apostoli; e poi veniva distribuito a ciascuno secondo il bisogno”.

Ma c’è un’ombra nella vita luminosa dei primi cristiani.

Nel film quest’ombra emerge in Cassio, stanco della persecuzione e che si ribella ad essa.

Nella Bibbia, l’ombra emerge in Anania e Saffira, che nei versetti successivi degli Atti vogliono tenere qualcosa in più per sé e non ottengono misericordia da Dio.

A chi assomigliamo di più? Ai cristiani radicali, che considerano i loro beni di proprietà di chi ne ha più bisogno, o a chi vuole tenere le cose per sé?

Quinto: la Divina Misericordia giunge attraverso l’obbedienza, non la ribellione

“L’amore è l’unica via” è una frase che si ripete spesso nel film.

È esattamente quello che dice Giovanni: “In questo conosciamo di amare i figli di Dio: quando amiamo Dio e osserviamo i suoi comandamenti”.

L’amore non significa sentimenti calorosi nei confronti di Cristo, cosa che porta i ribelli del film a fallire. L’amore non vuol dire avere una mente aperta e trattare gli altri con una gentilezza di base, perché questo non porta da nessuna parte il personaggio romano di spicco del film.

L’amore significa fare come Cristo comanda – anche quando le cose diventano molto, molto difficili.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.