Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 07 Dicembre |
Sant'Ambrogio
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Facebook si scusa per aver bloccato l’immagine di Gesù sulla croce

REJECTED

Franciscan University of Steubenville

Jaime Septién - pubblicato il 06/04/18

Si trattava di un annuncio con un'“immagine scioccante ed eccessivamente violenta”

Come molte altre istituzioni cattoliche, il Venerdì Santo l’Università Francescana di Steubenville (Ohio, Stati Uniti) ha usato un’immagine di Gesù Cristo crocifisso come parte della sua pubblicità su Facebook.

L’équipe di censura di Facebook ha tuttavia bloccato l’annuncio, etichettandolo – non considerando il contesto religioso e la profondità storica dell’evento della crocifissione di Gesù – come un’“immagine scioccante ed eccessivamente violenta”, secondo quanto ha affermato un portavoce di questa università appartenente ai Francescani.

Uno su dieci

Steubenville ha pubblicato dieci annunci su Facebook per diffondere il suo programma di corsi post-lauream in Teologia, Catechesi ed Evangelizzazione. Tom Crowe, direttore per le comunicazioni web di Steubenville, ha detto alla catena televisiva Fox News di non sapere perché sia stato respinto solo quello che rappresentava chiaramente la Croce di San Damiano, la croce francescana per eccellenza.

“Può essere stato l’algoritmo o un impiegato di basso livello che ha qualcosa contro il cristianesimo”, ha commentato Crowe. “Per qualche motivo, Facebook ha rifiutato la croce”. E ancor di più la Croce di San Damiano, la piccola cappella di Assisi in cui San Francesco ha iniziato la sua opera titanica di restauro della Chiesa.

Questo mercoledì Facebook si è scusato per l’errore. Un portavoce della rete sociale ha dichiarato a Fox: “La nostra équipe processa ogni settimana milioni di annunci, e qualche volta commettiamo degli errori”.

Ci sarà qualche altro motivo?

Ci sono sicuramente errori ed errori, e questo è stato senz’altro intenzionale, perché lo stesso protavoce di Facebook ha riconosciuto che “questa immagine non viola le nostre politiche pubblicitarie. Ci scusiamo per l’errore e abbiamo già informato il mittente del fatto che abbiamo approvato il suo annuncio”.

Quest’ultimo è stato approvato ufficialmente lunedì, dopo la fine della Settimana Santa, ma resta il dubbio sul motivo della cancellazione il giorno stesso in cui la cristianità ricorda la morte di Gesù sulla croce.

Come ha detto Crowe alla catena di notizie statunitense, “Facebook ha approvato altri annunci con la stessissima immagine, il che mi porta a pensare che non si sia trattato di un algoritmo, ma di un impiegato di basso livello che (lascia passare) molti, molti annunci e finisce per avere qualcosa di personale contro questo”.

Un momento di insegnamento

“Ribadisco che non reclamo un’intolleranza religiosa sistematica su Facebook, ma in questo caso sembra che sia successo qualcosa in una situazione specifica”, ha sottolineato il rappresentante delle reti e della comunicazione digitale dell’Università di Steubenville.

Crowe ha definito il rifiuto un “momento di insegnamento” e un promemoria per tutti, e ha scritto un articolo pubblicato sul sito web dell’università e intitolato “È stato rifiutato” – il modo in cui l’umanità reagisce all’idea che Dio si sia umiliato fino alla morte di croce.

“È sensazionale, è forte”, ha scritto. “È possibile solo per via della violenza eccessiva che ha sopportato per noi”. Crowe ha quindi assunto una linea evangelizzatrice prendendo l’incidente come un’occasione per riflettere: “Spero che la gente torni a guardare la croce e veda ciò che Dio ha fatto per noi, e si promuova un ritorno alla fede o una ricerca su questa cosa strana chiamata cristianesimo”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
censurachiedere scusacrocefacebookgesù cristovenerdi santo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni