Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconNews
line break icon

Social network fa rima con frustrazione? Per Vittorino Andreoli (e altri) sì...

READY PLAYER ONE

Warner Bros Pictures

Lucandrea Massaro - Aleteia Italia - pubblicato il 05/04/18

La crisi della figura paterna, e dunque della trasmissione dei valori, alla base dell'infelicità dei millennials che si rifugiano nel narcisismo

«Dopo le violazioni sulla privacy, Facebook andrebbe chiuso. Lì abbiamo perso l’individualità, crediamo di avere un potere che è inesistente, lì viene violato il nostro secretum. L’individuo non sta nelle cose che mostra ma in ciò che non dice. Invece i social ci spingono a dire tutto, ci banalizzano. Ora, io non so nemmeno come si usa quella roba, ma sappiamo tutto delle persone prima di stringere loro la mano. Le relazioni invece devono avere un fascino, sono scoperta. I social sono un bisogno di esistere perché siamo morti. Creano una condizione di compenso per le persone frustrate».

E’ questo uno dei passaggi salienti della bella intervista che Vittorino Andreoli ha concesso a Il Giornale in occasione dell’uscita del suo nuovo libro “Il Silenzio delle pietre” (Rizzoli). Lo psichiatra veronese, classe 1959 è da sempre un punto di riferimento quando si parla di psiche e anche in questo caso non delude e ci mette di fronte a problemi che spesso non vogliamo vedere, quelli della nostra quasi endemica dipendenza dai social network. Il caso della compromissione dei dati personali di Facebook è solo un campanello (un campanaccio…) d’allarme per un mondo che non sa più cosa sia la privacy, ma soprattutto che non sa più scoprire l’altro-da-sé.

«Mai. Siamo intossicati da rumori, parole, messaggi e tutto ciò che occupa la nostra mente nella fase percettiva. Il bisogno di solitudine è una condizione in cui poter pensare ancora. Oggi sono morte le ideologie, è morta la fantasia. Siamo solamente dei recettori. Ho proiettato il libro nel 2028, un giochetto per poter esagerare certe condizioni, un po’ come fece Orwell nel ’49 quando scrisse 1984. Io immagino che ci sia un acuirsi della condizione di oggi per cui noi siamo solo in balia di un empirismo pauroso, dove facciamo le cose subito, senza pensarci».

E quando pensa ai millennials, Andreoli si dice preoccupato, e individua nella frustrazione dei padri moderni uno dei problemi da risolvere

«Io sono molto preoccupato. Non siamo più capaci di aiutarli. Gli strumenti abituali funzionano poco. È così cambiata la società che non abbiamo gli strumenti adatti. Mancano gli esempi dei padri che, a loro volta, hanno bisogno di non essere frustrati. Il male non è mai singolo. C’è qualcosa che non funziona a livello sociale».

In questo senso è interessante che la diagnosi della scomparsa del padre sia condivisa anche da altri specialisti della psicologia che vedono nel mondo effimero e istantaneo dei social network lo specchio di questa crisi collettiva.

Gustavo Pietropolli Charmet è l’autore del recente saggio L’insostenibile bisogno di ammirazione(Laterza), studio che approfondisce l’individualismo e la perpetua ricerca di gratificazione che ha invaso prepotentemente lo spazio pubblico e privato dei rapporti umani. L’autoreparte dal presupposto che la scomparsa del Patriarcatoe del Padrecome figura di riferimento e portatore di determinati valori, abbia portato a una sempre più forte percezione del Sé e, di conseguenza, all’individualismo e al narcisismo. Nel libro viene quindi indagato l’insaziabile bisogno di ammirazionela cui manifestazione più evidente è proprio l’ossessione per il numero di like che si ottengono sui social network: quando i like non si ottengono, invece, subentra la vergogna, i disturbi alimentari e diversi stati di sofferenza mentale (Il Libraio).


SUBWAY SMARTPHONE

Leggi anche:
Cina e “punteggi sociali”: la serie distopica Black Mirror è già una realtà?

In qualche misura se ne deve essere accorto anche Steven Spielberg, che nel suo ultimo film, l’immaginifico Ready Player One, ispirato all’omonimo romanzo di Ernest Cline, esplora anche questa dimensione: la realtà e le relazioni filtrate da uno schermo, da una identità fittizia, da una ricerca di evasione da se stessi e dalla propria condizione di frustrazione

Alla fine del film (attenzione SPOILER) la decisione dei protagonisti di lasciare che il mondo virtuale di Oasis (a metà tra social network, gioco online e simulazione 3D) resti chiuso almeno due giorni a settimana, una disconnessione forzata per tenere aperta la porta alle relazioni autentiche e non filtrate. Avrebbero questo coraggio i giganti del web o essi traggono forza (e profitto) proprio dalla nostra dimensione di debolezza e di fragilità?

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
narcisismopaternitàsocial network
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni